Un anno di prigione per l’omicida 15enne via Facebook

Roma – Un quindicenne olandese è stato condannato a un anno di detenzione per avere pugnalato a morte una ragazza dopo essere stato assoldato via Facebook per commetterne l’omicidio. Il caso, conosciuto come ‘Facebook murder’, ha causato in Olanda un dibattito molto diffuso sul ruolo dei social network nei crimini violenti.

L’omicidio, avvenuto in gennaio ad Arnhem, città sul basso Reno, ha sconvolto soprattutto la comunità cinese olandese, alla quale appartengono tutti i giovani protagonisti. La corte ha rilevato oggi che il ragazzo imputato non conosceva la vittima e che l’omicidio è avvenuto “su richiesta ed istruzioni di altri”. Pertanto gli ha concesso tutte le attenuanti, oltre a quella della giovane età.

La ragazza uccisa, Joyce Winsie Hau, 15 anni, ha litigato per settimane con i suoi migliori amici di Facebook, l’amica Polly, 16 anni, e il suo fidanzato, 17. Secondo i media olandesi, la causa del litigio è stata l’accusa di una scappatella sessuale rivolta da Winsie a Polly, che avrebbe fatto infuriare la giovane coppia.

Polly e il suo boyfriend avrebbero deciso di punire l’insulto pianificando per settimane via Facebook l’omicidio dell’amica. Attraverso il social network, i due hanno assoldato un coetaneo, Jinhua, all’epoca quattordicenne, chiedendogli di uccidere Winsie in cambio di una somma di denaro (alcuni media indicano 100 euro, altri 1.000) e la promessa di pagargli da bere.

Natalia Radicchio

Foto via www.globalist.it

 

Share and Enjoy

  • Facebook
  • Twitter
  • Delicious
  • LinkedIn
  • StumbleUpon
  • Add to favorites
  • Email
  • RSS

Ti è piaciuto questo articolo? Fallo sapere ai tuoi amici

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato.

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>

 
Per inserire codice HTML inserirlo tra i tags [code][/code] .

I coupon di Wakeupnews