Un altro deceduto nel carcere di Grasse: inchiesta aperta

Claudio Faraldi

Claudio Faraldi

Claudio Faraldi, 29 anni, è deceduto mercoledì scorso nel carcere di Grasse, in Costa Azzurra. Attacco di cuore: sarebbe questa la causa della morte. Ancora una volta un deceduto nel carcere di Grasse, lo stesso nel quale morì tre anni fa, in circostanze anche allora non del tutto chiare, un altro italiano, Daniele Franceschi, viareggino di 36 anni.

Anche stavolta, proprio come allora, i familiari non credono a quella che sarebbe la versione ufficiale. Le autorità francesi attribuiscono la cause di morte di Daniele a un malore; la madre, Cira Antignano, continua la sua lotta in corso da anni per scoprire cosa sia realmente accaduto all’interno del carcere. La donna ritiene che Daniele sia stato picchiato.

Per quanto concerne la morte di Claudio Faraldi, invece, pare che sia da attribuire ad un attacco di cuore. Il padre del defunto ha detto: «Il decesso è avvenuto mercoledì scorso, ma siamo stati avvertiti solo ieri. Io non credo all’attacco di cuore. Era giovane e sano. E mi domando se, in caso di malore, sia stato assistito a dover». Claudio stava scontando una pena di cinque anni per una rapina compiuta nel 2011 in Costa Azzurra ed era detenuto da sei mesi.

kids468x60

«Voglio assolutamente vedere mio figlio prima dell’autopsia che verrà compiuta il 16 maggio», continua il padre di Claudio, che alcuni anni fa aveva perso la figlia Stephanie durante una apnea. Faraldi aveva avuto problemi di tossicodipendenza. Nel 2010 era riuscito a entrare nella comunità di San Patrignano da dove fuggi dopo pochi mesi.

Ferita riaperta per la mamma di Daniele Franceschi, che anche su questo caso dice la sua: «Devono battagliare come ho fatto io fino ad oggi e si devono imporre per vedere il figlio prima che facciano l’autopsia non come è avvenuto per Daniele che quando avevano fatto tutto me lo hanno mostrato avvolto in un telo senza che potesse essere fatta chiarezza fino ad oggi della sua morte. Ieri sono stata convocata presso il Ministero degli Esteri per giovedì – ha aggiunto Cira Antignano – perché devono farmi delle comunicazioni. Non so di cosa si tratti. Anche per Claudio, come per Daniele, attribuiscono la morte a problemi cardiaci, mi sembrano tutte versioni che non stanno per nulla in piedi. Sono vicina a questa famiglia, perché comprendo il loro dolore e mi unisco anche a loro e agli altri che vogliono giustizia, perché dobbiamo far sentire forte la nostra voce».

Sonia Carrera

@soniasakura89

Ti è piaciuto questo articolo?

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato.

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>

Per inserire codice HTML inserirlo tra i tags [code][/code] .

I coupon di Wakeupnews