Turismo: il 10% dei Comuni adotta la tassa soggiorno

ROMA – L’imposta di soggiorno, ovvero la tassa che qualunque turista, in visita nelle località italiane che ne fanno uso, dovrà versare in qualità di aumento sul prezzo (già per proprio conto, in media, non così generoso) dei pernottamenti in hotel, è stata adottata da circa il 10% dei Comuni italiani.

Le tariffe, nella sostanza variano da 0,20 a 5 euro, calcolabili in base alle singole giornate di permanenza per ogni singola persona. Ad affermare questa tesi è un studio effettuato da Federalberghi in associazione con Mercury Srl. Secondo i dati riportati, inoltre, un ulteriore 5% delle amministrazioni comunali sta studiando di varare questa tassa. Il gettito complessivo stimato ammonta a circa 150 milioni di euro per il 2012, in larga parte destinati a ripianare il deficit dei singoli Comuni più che a migliorare la “turisticità” delle singole località.

Per contro, però, è ormai noto che, tra tanti altri, soprattutto il comune di Termoli, in provincia di Campobasso (Molise), ha riscontrato alcune perplessità. Nove albergatori, infatti, hanno presentato ricorso al Tar contro la delibera del Consiglio Comunale attraverso la quale viene istituita la tassa di soggiorno.

Fernando Lafratta, presidente della Confcommercio termolese, coordinatore dell’azione, sostiene che «il momento di crisi è talmente acuto che l’imposta rischia di dare un ulteriore colpo di mannaia agli operatori turistici».

A curare l’azione legale è l’avvocato Michele Coromano, secondo il quale «l’illegittimità della delibera deriva dalla mancata indicazione degli interventi a favore del turismo».

(Foto: chianciano.blogspot.com / impresalavoro.eu)

Stefano Gallone

Share and Enjoy

  • Facebook
  • Twitter
  • Delicious
  • LinkedIn
  • StumbleUpon
  • Add to favorites
  • Email
  • RSS

Ti è piaciuto questo articolo? Fallo sapere ai tuoi amici

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato.

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>

 
Per inserire codice HTML inserirlo tra i tags [code][/code] .

I coupon di Wakeupnews