Tunisia: un’oasi tra mare e deserto

Con oltre mille km di costa e situata a nord del continente africano, la Tunisia offre al visitatore un ventaglio colorato di emozioni

di Claudia Vallini

 

Partiamo per un viaggio alla scoperta di un Paese a noi vicino (con il fascino delle oasi poco distanti dal deserto), delle escursioni in dromedario, di un mare cristallino, di spiagge bianche, ricco di tradizioni e con millenni di storia.

Numerosi sono i luoghi di interesse da visitare, musei, rovine, città, palmeti, o semplicemente spiagge bianche dalle quali l’occhio si perde guardando verso l’azzurro del mare fino all’orizzonte. La Tunisia è un Paese dai mille colori, tra cui quello predominante è indubbiamente l’azzurro; attraverso i suoi luoghi e le sue tradizioni, la gente e l’atmosfera arabeggiante evoca nel visitatore una sensazione di piacevole benessere e serenità. Tunisi, capitale del Paese non molto estesa e facile da attraversare, ha conservato i suoi vicoli millenari. Nella Medina, centro storico e culturale della città, si trova la moschea di Zitouna e il Souq el- Attarine, centro di produzione di profumi con innumerevoli negozi di oli e spezie aromatiche, nonché luogo colmo di musei tra i più importanti della città. La Medina è stata dichiarata dall’UNESCO, nel 1981, patrimonio mondiale dell’umanità.

A 20 km da Tunisi si estende Sidi Bou Said, pittoresca e incantevole cittadina. Poi, è la volta di Cartagine, con le sue rovine e l’anfiteatro romano: pur non essendo sopravvissuto molto alle intemperie del tempo e della storia, la sua leggenda la rende comunque estremamente  interessante agli occhi del visitatore. Tabarka, piccolo porto famoso per il corallo e l’industria del sughero, oggi è una rinomata stazione balneare, dove è possibile immergersi per restare a bocca aperta dinanzi allo splendore dei suoi ricchi fondali marini. Non lontano, nella stazione termale di Hamma Bourguiba, sin dall’antichità vengono curate le affezioni respiratorie. Lungo la costa, scendendo verso sud, si trovano Hammamet, famosa meta turistica con alberghi, discoteche e locali, e Nabeul, luogo di lavorazione della ceramica. Poi, è la volta di Sousse, terza città del Paese, Monastir (che con Hammamet è una meta turistica di fama mondiale) e Mahdia, importante porto del Paese e famosa per le meravigliose opere delle ricamatrici. Segue l’isola di Djerba, nota come isola della quinta stagione, dove il clima, le spiagge bianche, la lussureggiante vegetazione e i palmeti la rendono unica e in grado di accontentare anche il visitatore più esigente. Tozeur, città di non minore interesse, è un intrico di piccole viuzze e piazze con un’enorme foresta di palme, la seconda più grande del Paese con circa 200 mila piante: un’oasi alle porte del deserto dove ristorarsi prima di addentrarsi tra le dune. Douz, villaggio tipicamente desertico, punto di partenza per i safari nel deserto e luogo ricco di tradizioni  (detiene un mercato millenario), tra le quali il festival del Sahara, ricorrente nel mese di dicembre. 

Da non tralasciare, però, è  la cultura del benessere, delle stazioni termali, degli hammam sparsi un po’ ovunque nel Paese e utili a creare un’atmosfera di beata serenità e pace che non smette mai di accompagnare il visitatore lungo il suo tragitto. Interessante e gradevole è anche la cucina tunisina, di tipo mediterraneo e di origine  berbera, araba, turca e italiana, in cui viene privilegiato l’olio d’oliva, le spezie e il pomodoro, prodotti della pesca e d’allevamento. Sovente si trova la pasta servita con salsa di pomodoro e Harissa, pesto fatto con peperoncino fresco, olio d’oliva e aglio. Piatto tradizionale è il cuscus, granelli di semola cotti al vapore, accompagnati da verdure o da carne soprattutto di agnello. Altri piatti famosi sono il Brik, frittella riempita di uova, tonno e patate o carne e formaggio e l’insalata méchouia, un mix di pomodori e peperoni alla griglia servito con cipolle e condita con aglio, cumino e coriandolo in polvere, mentre ingrediente fondamentale, soprattutto per i dolci, è il dattero, coltivato nel sud del Paese.

Una moltitudine di paesaggi naturali, le vestigia storiche di un passato millenario e le calde e accoglienti acque di un mare limpido e cristallino fanno della Tunisia un Paese dalle molteplici attrattive.

Share and Enjoy

  • Facebook
  • Twitter
  • Delicious
  • LinkedIn
  • StumbleUpon
  • Add to favorites
  • Email
  • RSS

Ti è piaciuto questo articolo? Fallo sapere ai tuoi amici

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato.

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>

 
Per inserire codice HTML inserirlo tra i tags [code][/code] .

I coupon di Wakeupnews