Tour de France, da domani le montagne: il segno di Froome

Il Tour de France oggi riposa, ma domani si sale sui Pirenei. Per ora dominio del britannico Froome del team Sky, male Vincenzo Nibali, vincitore 2014

froome (letour.fr)

La maglia gialla Froome: da domani iniziano le salite

Il Tour è sempre il Tour e la prima settimana serve a individuare il suo padrone. Anche quest’anno, all’alba del suo primo giorno di riposo, il Tour de France ha un padrone ed è il britannico africano Christopher Froome, capitano della Sky e trionfatore del Tour 2013. Alle sue spalle la bagarre per contendergli il posto, in una sfida che si preannuncia epica.

FROOME DOMINA – L’inglese di Nairobi sembra pronto a conquistare la seconda Grande Boucle; il suo vantaggio sarà anche risicato sull’americano della Bmc Van Garderen, ma su Contador vanta oltre un minuto, due su Quintana e quasi due e mezzo su Nibali, mentre gli altri sprofondano ancora più in basso. Il tutto, ovviamente, senza che le montagne siano ancora cominciate, per sigillare, se ce ne fosse stato bisogno, il suo dominio su questa prima settimana di Tour, perfetta per lui, deficitaria per gli altri.

Vincenzo Nibali sul pavè (letour.fr)

Vincenzo Nibali sul pavè (letour.fr)

NIBALI IN DIFFICOLTÀ – Lo squalo dello Stretto sembra mordere meno del 2014: Vincenzo Nibali ha accumulato ben 2’22’’ di ritardo da Froome ancor prima che le salite comincino: letale per lui è stato soprattutto il vento che, nella tappa di Zelande, ha causato un ventaglio tragico, capace di fargli perdere oltre un minuto. Difesosi nella cronosquadre di ieri, ha comunque accusato dieci secondi sul Mur de Bretagne, uno strappo non dissimile da quello di Sheffield dove, l’anno scorso, fece il vuoto e prese la maglia.

CONTADOR SI PREPARA – Alberto Contador ha perso 1’03’’ dal britannico, ma il suo Tour deve ancora cominciare. A differenza di chi ha saltato il Giro d’Italia – tutti i suoi veri rivali – Alberto Contador deve tener conto delle tre settimane di corsa durissima che ha affrontato in primavera; fisiologico che la prima settimana del Tour sia per lui ancora interlocutoria. Se sarà riuscito nel miracolo di  esser pronto per due corse a tappe nello stesso anno, Contador lo dimostrerà da domani, quando la strada si inerpicherà con decisione e Froome proverà a fare il vuoto.

La Sky in azione con Froome (letour.fr)

La Sky in azione con Froome (letour.fr)

NON SI RESTA A GUARDARE – Non sono solo tre i contendenti; il giovane Quintana, alla prima vera sfida al Tour, dista 1’59’’ dalla maglia gialla, ma intende scompaginare i piani di tutti sulle montagne dove, garantiscono, sarebbe il più forte. Dovrà comunque dimostrarlo, perché è difficile che in questa stagione il maltempo gli offra un’altra occasione di barare per recuperare minuti.
Van Garderen è sicuramente l’uomo da classifica nella posizione migliore rispetto a Froome, ma anche quello più debole nelle salite: abile a cronometro, non affronta un Tour che sembri aiutarlo con il percorso, ma farà di tutto per restare tra i migliori.
Uran è sorprendentemente in buona posizione – 6° a 1’18’’, subito dietro Contador – e potrebbe essere un cliente non trascurabile per la tavolata del podio parigino; il colombiano della Etixx non è nei pronostici, ma le prossime due settimane potrebbero cambiare tutto.
Affondato, invece, il francesino della FDJ, Thibaut Pinot, che giace al 29° posto, distante 8’05’’ da Froome. Per lui, che aveva l’occasione di un Tour su misura, un rinvio al 2016. O oltre.

E ADESSO? – E adesso arrivano le montagne, che al Tour de France non sono mai mancate, ma che a volte non sono state così incisive. Tre tappe pirenaiche, prima di una settimana difficile da gestire che porterà al gran finale sulle Alpi, negli ultimi giorni di corsa, dai quali manca la classica grande cronometro conclusiva. Un Tour per scalatori, che Contador e Froome sembrano aver preparato al meglio e che Quintana punta a conquistare dimostrandosi il migliore sulle rampe di montagna. Da domani fino a giovedì avremo le prime controprove.

TOUR DE FRANCE 2015, CLASSIFICA DOPO 8 TAPPE
1 – C. Froome (Eng-Sky) 31h 34’ 12’’
2 – T. Van Garderen (Usa-Bmc) a 12’’
3 – G. Van Avermaet (Bel-Bmc) a 27’’
4 – P. Sagan (Svk-Tin) a 38’’
5 – A. Contador (Esp-Tin) a 1’03’’

6 – R. Uran (Col-Eti) a 1’18’’
7 – A. Valverde (Esp-Mov) a 1’50’’
9 – N. Quintana (Col-Mov) a 1’59’’
13 – V. Nibali (Ita-Ast) a 2’22’’
16 – B. Mollema (Ned-Trk) a 2’56’’
17 – J. Peraud (Fra-Ag2) a 3’30’’
18 – J. Rodriguez (Esp-Kat) a 3’52’’
21 – R. Bardet (Fra-Ag2) a 4’38’’
29 – T. Pinot (Fra-Fdj) a 8’05’’

Andrea Bosio
@AndreaNickBosio

Share and Enjoy

  • Facebook
  • Twitter
  • Delicious
  • LinkedIn
  • StumbleUpon
  • Add to favorites
  • Email
  • RSS

Ti è piaciuto questo articolo? Fallo sapere ai tuoi amici

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato.

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>

 
Per inserire codice HTML inserirlo tra i tags [code][/code] .

I coupon di Wakeupnews