Tour de France 2015, una gialla per cinque!

Scatta l'edizione 2015 del Tour de France: c'è Vincenzo Nibali tra i favoriti, ma dovrà vedersela con Contador, Froome, Quintana e un poco considerato Pinot

nibali

Vincenzo Nibali in maglia gialla, a Parigi (letour.fr)

UTRECHT – Si parte! La corsa per la Maglia gialla, quel simbolo del primato tanto francese quanto universale, scatterà oggi pomeriggio da Utrecht, dove si correrà l’unica prova individuale contro il tempo dell’edizione numero 102 del Tour de France 2015. Vincenzo Nibali andrà a caccia della sua seconda vittoria alla Grande boucle, ma dovrà vedersela con Contador, Quintana, Froome e Pinot, tutti intenzionati a giungere in giallo a Parigi.

A CACCIA DI BOTTECCHIA – Nibali ha vinto il Tour de France 2014, aggiungendo un nome italiano a un albo d’oro comunque poco azzurro; quest’anno vorrebbe il bis e tenterà così di eguagliare la doppietta consecutiva di Bottecchia, mai più riuscita a un italiano dal 1925. Novant’anni di storia del Tour de France, durante i quali il ciclismo è profondamente cambiato. L’impresa di Nibali, però, non sarà facile, perché i rivali saranno molti, agguerriti e, sulla carta, molto più quotati di lui.

alberto-contador-giro-d-italia

Alberto Contador (Twitter @albertocontador)

POKER D’ASSI. E LA SORPRESA – Quattro uomini sono indicati da tutti per il successo al Tour del France 2015; insieme all’azzurro della Astana, grande attesa per la sfida tra Contador e Froome, che chiameranno la rivincita per il duello del 2013, vinto dal britannico. Sembrano essere i principali indiziati per la Maglia gialla di Parigi, sia per l’esperienza, sia per le doti già dimostrate; tuttavia mancano di un vero scontro diretto da tempo e tutto resterà in sospeso fino all’ultima montagna.
Tocca a Quintana dimostrare che la coppia non è l’unico insieme degno di giocarsi la vittoria: il colombiano parte un po’ defilato, anche perché è l’unico a non aver mai conquistato una grande corsa a tappe grazie alla forza sui pedali, ma potrebbe riservare sorprese in montagna. Ha tutto da dimostrare e, appunto, nulla da perdere: il favorito (nascosto) perfetto.
Il quinto uomo è un francese, di cui poco si parla ma che moltissimo ha lavorato per essere pronto a questa sfida: Thibaut Pinot, secondo lo scorso anno, vuole la Maglia gialla, vuole il Tour de France, e con lui lo vuole l’intera Francia, che attende un vincitore transalpino dal 1985, quando fu Fignon a conquistare la Grande boucle. Trent’anni lunghissimi.

La prima vittoria di Pinot al Tour (2013): attesa per il 2015?

La prima vittoria di Pinot al Tour (2013): attesa per il 2015?

PERCORSO DURO – Una sola cronometro, oggi, di tredici chilometri, poi una cronosquadre di 28 chilometri. Un record – in basso – davvero importante, per un Tour disegnato sulle caratteristiche di Pinot. Ci sarà moltissima montagna, ci sarà l’arrivo in montagna il penultimo giorno, con l’Alpe d’Huez, ci sarà il pavè, che l’anno scorso quasi incoronò proprio Nibali. E ci sarà, una bella novità, il muro di Huy al terzo giorno, subito prima del pavé della Roubaix, a tinger di classica questo Tour de France.
Decideranno le montagne, più del solito: attenderemo i magnifici cinque alla prova, sperando di potervi raccontare un’altra epica pagina della storia del ciclismo.

Andrea Bosio
@AndreaNickBosio

Share and Enjoy

  • Facebook
  • Twitter
  • Delicious
  • LinkedIn
  • StumbleUpon
  • Add to favorites
  • Email
  • RSS

Ti è piaciuto questo articolo? Fallo sapere ai tuoi amici

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato.

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>

 
Per inserire codice HTML inserirlo tra i tags [code][/code] .

I coupon di Wakeupnews