Tour, 19a tappa: festa portoghese con il bis di Rui Costa

tour (letour.fr)

Penultima tappa alpina al Tour de France (letour.fr)

Le Grand Bornard – Rui Costa ha raddoppiato: dopo la vittoria di Gap, per il portoghese della Movistar è la seconda vittoria al Tour 2013, nella seconda tappa alpina. Fuggito in mattinata con un numeroso gruppo di colleghi, Rui Costa ha recuperato chi l’aveva preceduto nella prima parte della tappa e lungo l’ultima salita ha staccato tutti. Alle sue spalle l’inossidabile Kloeden. Froome ha controllato la corsa e nulla ha scalfito la sua leadership: nessun attacco, né in pianura né in discesa per il leader della classifica.

Una tappa alpina di transizione, vista l’assenza dell’arrivo in salita: materiale per attacchi ce ne sarebbe stato, ma l’inattaccabilità della maglia gialla ha congelato le azioni di chi si trova a lottare per i posti sul podio. Gli uomini di classifica sono arrivati tutti insieme, senza mettere a rischio le posizioni già depositate: toccherà all’arrivo di domani, in salita, definire i compagni di Froome sul podio di Parigi.

La fuga è vissuta a lungo sulla coppia Hesjedal – Rolland, in testa alla corsa per parecchi chilometri; il francese, in caccia di punti per la maglia a pois, aveva anche staccato il canadese vincitore del Giro 2012, ma nulla ha potuto contro l’avanzata di Rui Costa lungo l’ultima asperità della giornata. Sia il francese che il canadese hanno accusato un pesante ritardo al traguardo.

La tappa di oggi ha evidenziato uno dei problemi più ricorrenti del ciclismo moderno: scarsità di coraggio e inventiva. Corridori robotizzati obbediscono a tattiche radiocomandate e, di fronte alla forza del rivale, si accontentato del podio. Froome probabilmente sarebbe stato imbattibile comunque, ma oggi c’era lo spazio per metterlo alle corde e preparare il terreno per domani. D’altronde Rodriguez ha già perso un Giro aspettando gli ultimi chilometri per attaccare: ciclista di secondo piano, ha ribadito la differenza di categoria con campioni come Froome, Contador – pur non in forma – e Nibali.

Domani ultima tappa di montagna, non ci saranno altre occasioni per modificare la classifica prima di Parigi. L’arrivo di Semnoz giungerà dopo soli 125 chilometri, una rampa Hors Catégorie che chiuderà una tappa già arricchita da altri cinque gran premi della montagna, tra cui il Mont Revard, prima categoria.
Qui non mancheranno gli attacchi e la sfida per il podio si accenderà definitivamente.

Tour de France 2013 – Diciannovesima tappa
Ordine d’arrivo

1 – Rui Costa (Por – Mov) 5h 59’ 01’’
2 – Andrea Kloden (Ger – Rlt) a 48’’
3 – Jens Bakelants (Bel – Rlt) a 1’44’’

8 – Alessandro De Marchi (Ita – Can) a 2’05’’
18 – Alejandro Valverde (Esp – Mov) a 8’40’’
21 – Joaquim Rodriguez (Esp – Kat) s.t.
22 – Nairo Quintana (Col – Mov) s.t.
23 – Alberto Contador (Esp – Sax) s.t.
24 – Roman Kreuziger (Cze – Sax) s.t.
25 – Chris Froome (Gbr – Sky) s.t.
27 – Bauke Mollema (Ned – Bel) s.t.

Classifica generale
1 – Chris Froome (Gbr – Sky) 77h 10’ 00’’
2 – Alberto Contador (Esp – Sax) a 5’11’’
3 – Nairo Quintana (Col – Mov) a 5’32’’
4 – Roman Kreuziger (Cze – Sax) a 5’44’’
5 – Joaquim Rodriguez (Esp – Kat) 5’58’’

Andrea Bosio
@AndreaNickBosio

Share and Enjoy

  • Facebook
  • Twitter
  • Delicious
  • LinkedIn
  • StumbleUpon
  • Add to favorites
  • Email
  • RSS

Ti è piaciuto questo articolo? Fallo sapere ai tuoi amici

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato.

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>

 
Per inserire codice HTML inserirlo tra i tags [code][/code] .

I coupon di Wakeupnews