Torna a rifiorire l’albero di Falcone

La polizia sulle tracce di una clochard responsabile del furto

di Erika Castorina

L'albero di FalconePALERMO – Sono trascorsi  solo pochi giorni dalla ferita inferta all’albero di Falcone ma già la magnolia di via Notarbartolo 23 è ritornata a fiorire. Messaggi, foto, pensieri, ricordi e biglietti ornano nuovamente il tronco della splendida pianta che da 18 anni si erge a custode del ricordo di Giovanni Falcone, della moglie Francesca Morvillo e dei ragazzi della scorta morti con loro (Rocco Di Cillo, Antonio Montinaro e Vito Schifani).

Lo sfregio, avvenuto sabato pomeriggio, quando il buio non era ancora arrivato, ha fatto subito pensare che fosse stato organizzato dalla mafia. Erano state portate via la foto del magistrato e quella dell’agente Rocco Di Cillo, che stavano proprio sul bordo del vaso, ed era stato rubato anche il lenzuolo bianco con la scritta: «Le vostre idee camminano sulle nostre gambe», uno dei primi manifesti realizzati dopo la strage di Capaci e lasciati sull’albero.

Tutto lasciava presagire un odioso gesto di vendetta contro le numerose organizzazioni antimafia e contro la memoria del giudice stesso. Ma la verità venuta a galla è un’altra, per fortuna.

A parlare le immagini video riprese dalle telecamere a circuito chiuso presenti nella zona. Le immagini dimostrano chiaramente che dietro al furto ci sarebbe una clochard palermitana.  I poliziotti sono sulle tracce della donna non molto giovane, trasandata e vestita di colore scuro, con un cappotto e una borsa di plastica bianca. Nel primo pomeriggio di sabato si era avvicinata alla magnolia, simbolo della memoria e dell’impegno antimafia, sottraendo foto e i numerosi biglietti lasciati da moltissime persone nel corso di questi diciotto anni. Subito dopo la donna si e’ allontanata. Si pensa si tratti di una senzatetto solita frequentare la zona e conosciuta, forse una ex insegnante 73enne.

Giovanni Falcone

Sono considerate attendibili anche le testimonianze raccolte che concordano con le immagini registrate ed il gesto sarebbe quindi da attribuire alla follia dell’anziana clochard.

Un sospiro di sollievo che a un mese dal 18° anniversario della morte di Falcone toglie quell’amaro in bocca che la triste vicenda aveva creato e che sembra escludere, quindi, uno sfregio da parte della criminalita’ organizzata.

Share and Enjoy

  • Facebook
  • Twitter
  • Delicious
  • LinkedIn
  • StumbleUpon
  • Add to favorites
  • Email
  • RSS

Ti è piaciuto questo articolo? Fallo sapere ai tuoi amici

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato.

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>

 
Per inserire codice HTML inserirlo tra i tags [code][/code] .

I coupon di Wakeupnews