The social network, croci e delizie di facebook

 

Locandina

Locandina

Chi è facebook? 

Tutti sanno cosa è il social network più usato nel mondo. Tutti ne hanno sentito parlare e tutti lo amano e lo odiano nello stesso tempo. Il villaggio globale di McLuhan dove è lecito farsi gli affari di chiunque, e si può essere amici senza mai essersi visti e magari lo scopo è solo quello di conoscere la tua dolce metà per rimorchiarla e rubartela. Un fenomeno rivoluzionario che ha seriamente cambiato la società di oggi, e ci è riuscito in pochissimo tempo. Ma dietro tutto questo, non ci sono pensate sofisticate o team di esperti che hanno lavorato anni: la mente è invece un solo unico nome. E così il regista David Fincher racconta in questo interessantissimo film “The social network”, di come dopo una bizzarra discussione, un giovanotto, Mark Zuckerberg, un nerd fenomeno ai computer, venga mollato dalla ragazza. 

E’l’inizio della sua carriera da miliardario. Perché Mark torna nel suo dormitorio e invece di andare a nanna crea in una sola notte “Face Mash”, un sito dove con un semplice click si possono votare delle ragazze. Un progetto così ben riuscito da impallare l’intera rete informatica della sua università per colpa dell’incredibile traffico online generato. E da lì, l’idea: mettere sul web la possibilità di raccontare le proprie identità, gusti, interessi sessuali. Non solo un blog, ma la possibilità di aver accesso, mediante apposita autorizzazione, alle informazioni di chiunque voglia condividerle. Con il primo, provvisorio nome “thefacebook”, il sito raggiunge nell’arco di pochi giorni un successo enorme, estendendosi a macchia d’olio. 

Fincher racconta così croci e delizie che sono alla base della creazione e sviluppo di facebook, spostando ovviamente il campo non sulle incredibile potenzialità del sito (sarebbe stata una inutile perdita di tempo), ma concentrando il punto di vista sul lavoro del suo fondatore e del suo rapporto sociale e reale con gli altri. A partire dal suo primo socio Eduardo Saverin (interpretato nella pellicola da Andrew Garfield) per arrivare a Sean Parker (bravissimo Justin Timberlake a vestire i suoi panni), il fondatore di Napster che con le sue alte conoscenze riesca a portare enormi somme di denaro all’intero progetto. 

Jesse Eisenberg, Justin Timberlake e Andrew Garfield
Jesse Eisenberg, Justin Timberlake e Andrew Garfield

Dialoghi serrati, movimento, ritmo e musiche frenetiche: la trama è vivace e non stanca, spaziando spesso da un linguaggio assai tecnico (arduo per chi di informatica non capisce nulla, ma divertente quando vede Mark assumere un programmatore per il semplice motivo che è in grado di lavorare al computer in stato di completa ubriachezza) e ad uno più “terrestre” e volgare, con battute spesso sagaci e pungenti. Il mondo dove nasce il re dei social network è il mondo dell’università americana, dove feste, donne e prove di ammissioni alle confraternite sono all’ordine del giorno. 

Emerge con chiarezza una importante dinamica che è alla base del personaggio di Zuckerberg: il talento incompreso che si ritrova improvvisamente accettato e stimato da tutti. Un nerd è pur sempre per definizione un tipo attaccato ad un computer, ha una vita sociale piuttosto limitata e comunque bizzarra, ha un gruppo di amici cervelloni con i quali rapportarsi, ma dai gruppi più “virili” non è assolutamente considerato e le donne ne evitano ogni rapporto. Fino a quando non arriva la notorietà, e allora le cose cambiano drasticamente. Il papà di facebook diviene così famoso da superare perfino una conferenza di Bill Gates

Continua a leggere —–> 

  

Share and Enjoy

  • Facebook
  • Twitter
  • Delicious
  • LinkedIn
  • StumbleUpon
  • Add to favorites
  • Email
  • RSS

1 2

Ti è piaciuto questo articolo? Fallo sapere ai tuoi amici

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato.

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>

 
Per inserire codice HTML inserirlo tra i tags [code][/code] .

I coupon di Wakeupnews