Terrorismo, le 8 cose da fare in caso di attentato

Dopo l'attentato avvenuto a Manchester, l'Ufficio di Sicurezza Nazionale Antiterrorismo inglese ha elencato 8 cose da fare in caso di emergenza

Attentato terroristico a Manchester (ph:media.urbanpost.it)

Attentato terroristico a Manchester (ph:media.urbanpost.it)

È trascorso oltre un anno da quel 13 novembre 2015 quando un attacco terroristico di matrice islamica distrusse il Bataclan di Parigi causando 137 morti e 368 feriti. A distanza di pochi mesi, il 22 marzo 2016, a Bruxelles altri due attentati rivendicati dall’Isis, avvenuti all’aeroporto Zaventem e alla stazione della metro di Maalbeek, tolsero la vita a 31 persone. Da allora, la scia di sangue non si è più arrestata: Instanbul, Dacca, Nizza, Wurzburg, Ansbach, Rouen, Berlino. La morte, la devastazione, la paura hanno continuato ad attraversare l’Europa, e non solo. Ieri l’ennesima esplosione, l’ultima tragedia di questa lunga serie di sconfitte personali, sociali, civili. È successo a Manchester. Il bilancio conta almeno 22 morti e 60 feriti.

Ed è alla luce del clima di terrore che grava sul mondo che l’Ufficio di Sicurezza Nazionale Antiterrorismo britannico ha decido di stilare e diffondere un elenco comprendente le 8 azioni da compiere e i rispettivi errori da non commettere nel caso ci si ritrovi coinvolti in un attentato terroristico.

LE 8 REGOLE –  1.     Mantenere la calma e individuare una via di fuga: la tendenza a fingersi morti nella speranza di venire ignorati non aiuta.

2.     Nascondersi dietro un muro: nel caso la fuga sia ostacolata, conviene nascondersi dietro un valido supporto. Un muro è sicuramente più resistente di vetrate, pilastri di legno o di metallo: questi ultimi potrebbero non fermare i proiettili.

3.     Chiudere a chiave la porta.

4.     Impostare i cellulari su “silenzioso”: nel caso ci si sia nascosti, un cellulare che squilla all’improvviso può rivelare facilmente la propria posizione.

5.     Contattare i servizi di emergenza: sempre nel fortunato caso in cui ci si è nascosti, bisogna provare a contattare la polizia. Oltre a indicare il luogo, è consigliabile anche dire se ci sono ostaggi e feriti.

6.     Non unirsi a gruppi di gente in fuga ed evitare mezzi pubblici: per quanto riguarda, invece, chi è riuscito a scappare, non conviene immischiarsi con la folla impaurita, perché per gli attentatori è più facile sparare nel mucchio. Stesso concetto si può applicare per l’utilizzo di mezzi pubblici.

7.     All’arrivo della polizia, alzare le mani: in questo modo ci si rende riconoscibili agli occhi della polizia e non ci si può confondere con gli attentatori.

8.     Tenersi sempre pronti: anche quando non è successo nulla, ma ci si trova in luoghi pubblici e affollati, è diventato necessario tenersi pronti al peggio. Ovunque ci si trovi, anche nella situazione più tranquilla possibile (almeno in apparenza) bisogna sempre individuare le uscite di emergenza, di modo da essere preparati in caso di eventi catastrofici.

HIDE, RUN, TELL - Alla base delle otto regole sopra elencate soggiacciono tre concetti fondamentali: hide “nasconditi”, run “corri”, tell “segnala”. Cercare salvezza nascondendosi in un posto temporaneamente sicuro, fuggire e denunciare tempestivamente l’attentato così che i soccorritori possano intervenire quanto prima. Sono queste le tre azioni che possono salvare la propria vita e quelle degli altri. Sarebbe dunque opportuno tenerle bene a mente perché, benché riflettere lucidamente ed agire con razionalista sia, in casi simili, ragionevolmente difficile, purtroppo, risulta altresì di vitale importanza.

Antonietta Mente

@AntoMente

Share and Enjoy

  • Facebook
  • Twitter
  • Delicious
  • LinkedIn
  • StumbleUpon
  • Add to favorites
  • Email
  • RSS

Ti è piaciuto questo articolo? Fallo sapere ai tuoi amici

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato.

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>

 
Per inserire codice HTML inserirlo tra i tags [code][/code] .

I coupon di Wakeupnews