Terremoto in Toscana: i consigli della Protezione Civile

Circa 80 le scosse di terremoto registrate in Toscana, in particolare nella zona del Chianti. Di seguito, i consigli preparati dalla Protezione Civile

terremotoOre di paura ed incertezza in Toscana, a causa dell’intenso sciame sismico che da ieri pomeriggio sta interessando tutta la regione. Trema la terra nelle colline del Chianti, con scosse di terremoto, circa ottanta quelle registrate finora dall’Istituto di geofisica, che sono state avvertite a Firenze, Prato, Pisa, Siena ed Arezzo. «È uno sciame sismico di cui è impossibile prevedere la durata», ha affermato il sismologo Alessandro Amato, dell’Istituto nazionale di geofisica e vulcanologia. I vigili del fuoco, che in queste ore stanno effettuando dei sopralluoghi nella zona del Chianti e della Val d’Elsa, hanno fatto sapere di non aver registrato danni a persone o cose.

I CONSIGLI DELLA PROTEZIONE CIVILE – In questi casi, risultano molto utili i consigli preparati dalla Protezione Civile, disponibili sul sito ufficiale del Dipartimento. Prima di tutto, è bene sapere dove si trovano e come si chiudono i rubinetti di gas, acqua e gli interruttori della luce, che potrebbero subire danni durante il terremoto. È buona regola evitare di tenere oggetti pesanti su mensole e scaffali posti in alto, tenendo sempre a disposizione una cassetta del pronto soccorso, una torcia elettrica, una radio a pile ed un estintore, assicurandosi inoltre che ogni componente della famiglia sappia dove sono riposti.

COSA FARE IN CASA – Qualora la scossa avvenga mentre vi trovate in un luogo chiuso, è indicato ripararsi sotto una trave, nel vano di una porta, o vicino un muro portante, essendo le parti della struttura più resistenti. Prestare molta attenzione agli oggetti che potrebbero cadere sul pavimento a causa delle scosse, come intonaco, controsoffitti, vetri e mobili.  È fortemente sconsigliato uscire dall’abitazione usando le scale o l’ascensore. Le prime potrebbero essere la parte più debole dell’edificio, mentre l’ascensore potrebbe bloccarsi per interruzione di energia.

COSA FARE ALL’APERTO – Qualora siate in uno spazio aperto durante il verificarsi di una scossa, la Protezione Civile consiglia di allontanarsi dalle strutture che potrebbero crollare. Evitare quindi di cercare riparo in prossimità di edifici, alberi, lampioni e linee elettriche. È indicato invece il raggiungimento, nel minor tempo possibile, delle aree di attesa,  individuate dal piano di emergenza comunale. Fortemente sconsigliato l’uso dell’automobile per gli spostamenti e del telefono per le comunicazioni. Sia le strade che le linee telefoniche devono essere libere per non intralciare i soccorsi.

 

Carlo Perigli
@c_perigli

foto: formiche.net

 

Share and Enjoy

  • Facebook
  • Twitter
  • Delicious
  • LinkedIn
  • StumbleUpon
  • Add to favorites
  • Email
  • RSS

Ti è piaciuto questo articolo? Fallo sapere ai tuoi amici

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato.

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>

 
Per inserire codice HTML inserirlo tra i tags [code][/code] .

I coupon di Wakeupnews