Tennis, Us Open: Andy Murray, finalmente!

Andy Murray, campione degli Us Open 2012

New York City – Quindicesimo e ultimo giorno di gare a Flushing Meadows, che diventa il torneo più lungo dell’intera stagione, superando ogni anno le due settimane a causa dei rinvii per maltempo.

A sfidarsi per la prestigiosa coppa argentea sono Novak Djokovic, campione uscente e favorito d’obbligo, contro un Andy Murray che dal torneo olimpico di Londra, nel quale ha battuto nettamente Roger Federer (qui sconfitto ai quarti di finale da Tomas Berdych), ha dimostrato di aver acquisito – finalmente – nuova fiducia nei suoi già ottimi mezzi.

Per il serbo, che ha perso il podio della classifica insieme alla semifinale di Wimbledon lo scorso luglio, sconfitto proprio da Federer, sarebbe il secondo Us Open consecutivo, il secondo in totale, il secondo Slam dell’anno e il sesto della sua carriera, esplosa nel 2011, quando ha “rischiato” di compiere l’impresa del Grande Slam, riuscita solo alla leggenda australiana Rod Laver.

Andy Murray cerca invece di aggiudicarsi il suo primo Slam, dopo aver raggiunto tre finali (una a Melbourne, una a Wimbledon e una a New York) ed averle perse, tutte e tre, da Roger Federer. Comunque vada il match, una vittoria per l’eterno numero quattro c’è già: aver sorpassato Rafael Nadal, che non ha preso parte alla competizione per gli ormai soliti problemi al ginocchio. Da oggi, infatti, il giocatore di Dunblane occuperà la terza posizione nella classifica mondiale.

Il match inizia alle 16, ora locale (in Italia sono le 22). Un break in apertura consegna un vantaggio effimero a Murray, subito recuperato da Djokovic, breakkato nuovamente appena due giochi dopo, e di nuovo capace di tornare in parità. Dal 4 pari in poi, i giocatori tengono i turni di servizio e arrivano al tie-break: set point salvati da ambo le parti, un set che sembra interminabile, ma che si conclude dopo quasi 90 minuti a favore di Murray con il punteggio di 7-6 (12-10).

Lo scozzese sembra inarrestabile, si porta immediatamente sul 4-0, e quando il set pare pendere a suo favore, ecco il recupero del serbo, che si porta sul 5-3 e riesce ad evitare che Murray ottenga il secondo set, salvo poi cederlo poco dopo sul suo servizio. 7-5, 2 set a 0 per Murray.

Equilibrio precario nel terzo set, con Djokovic che approfitta di un momentaneo calo di concentrazione di Murray e conquista un break prezioso, portandosi così sul 4-2, dopo aver salvato due pericolose palle break. Con un nuovo break, il campione uscente sale 5-2 e chiude, 6-2 Djokovic.

Nole sale 3-1, poi 4-2, 5-3 e riesce a chiudere anche il quarto set in suo favore. Il recupero è completo, 6-3 Djokovic.

Break in apertura per Murray, poi di nuovo un break e sale 3-0, ma viene controbreakkato da Nole, che risale fino al 3-2. Da lì in poi, il serbo non può più nulla, Andy capitalizza il gioco e chiude 6-2!

7-6 7-5 26 36 62 in 4 ore e 53 minuti. Andrew Murray è il nuovo vincitore degli Us Open. Alla quinta finale, lo scozzese riesce finalmente a conquistare il primo titolo Slam, così come fu per il suo coach ed ex-giocatore Ivan Lendl. Sconfitto il campione uscente, e sconfitta una sfortuna Slam decisamente immeritata.

Stefano Maria Meconi

 

Share and Enjoy

  • Facebook
  • Twitter
  • Delicious
  • LinkedIn
  • StumbleUpon
  • Add to favorites
  • Email
  • RSS

Ti è piaciuto questo articolo? Fallo sapere ai tuoi amici

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato.

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>

 
Per inserire codice HTML inserirlo tra i tags [code][/code] .

I coupon di Wakeupnews