Tennis, Roland Garros: Sara Errani a caccia della finale

Sara Errani e Roberta Vinci con il trofeo del doppio al Roland Garros 2012

Parigi – Per il quarto anno consecutivo, le semifinali del Roland Garros, una delle quattro prove del Grande Slam, ospiteranno una giocatrice italiana. Se nel 2010 e 2011 l’onore era toccato a Francesca Schiavone, la prima italiana nella storia a vincere a Parigi, nel 2012 e nel 2013 il testimone è passato a Sara Errani, espressione della “nuova guardia” del movimento italiano, che grazie a lei e Roberta Vinci ha conosciuto una sempre maggiore affermazione a livello nazionale e internazionale.

La missione di oggi è, al di là della mera cronaca, molto dura: la Errani sarà opposta a Serena Williams, attuale n° 1 del mondo, ma che sulla terra rossa dello stadio Philippe Chatrier non giungeva in semifinale dal lontano 2003, e che addirittura nel 2012 aveva abbandonato il torneo dopo una sconfitta al primo turno. Le statistiche dei match tra le due parlano di un 5-0 inglorioso nei confronti della Williams, con l’ultimo match disputato quest’anno a Madrid, e chiusosi 7-5 6-2 nei confronti della statunitense.

Molto conterà, quest’oggi, l’esperienza accumulata da Sarita negli ultimi tempi, e soprattutto la volontà di andare a bissare quanto meno la finale del 2012, persa contro una pur superiore Maria Sharapova. La russa sarà opposta quest’oggi a Victoria Azarenka, che agli ottavi di finale aveva eliminato la nostra Schiavone, in un match che almeno sulla carta si preannuncia molto interessante, e non solo per la bellezza delle due contendenti.

Se a prevalere saranno dunque la nostra Sara e la bella Masha, il pubblico parigino assisterà per il secondo anno di fila a questa sfida, con la certezza che, stavolta, la Errani farà tutto il possibile per portare a casa il primo successo in singolare, dopo i tre ottenuti in doppio tra il 2012 e l’inizio di quest’anno.

Sempre in doppio, Errani e Vinci (accreditate della prima testa di serie) se la vedranno in semifinale con la coppia n° 3 del seeding Petrova-Srebotnik, mentre nella parte bassa del tabellone la sfida sarà tra le russe Makarova-Vesnina e le ceche Hlavackova-Hradecka. Una possibilità d’oro, per la bolognese, di vincere sia nel torneo singolare che doppio, come successe nel 1974 e nel 1975 a Chris Evert, e a Martina Navratilova nel 1982 e 1984.

Stefano Maria Meconi

@_iStef91

Share and Enjoy

  • Facebook
  • Twitter
  • Delicious
  • LinkedIn
  • StumbleUpon
  • Add to favorites
  • Email
  • RSS

Ti è piaciuto questo articolo? Fallo sapere ai tuoi amici

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato.

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>

 
Per inserire codice HTML inserirlo tra i tags [code][/code] .

I coupon di Wakeupnews