No Tav? In Piemonte 450 imprese dicono sì all’Alta Velocità

no tav alta_velocità - blitzquotidiano it

Foto via: blitzquotidiano.it

Torino – La realizzazione della Torino-Lione sta dividendo l’opinione pubblica: da una parte i No Tav, che da anni manifestano contro la realizzazione delle infrastrutture per l’alta velocità ferroviaria, dall’altra il favore della aziende, che da tale opera potrebbero trarre benefici. Notizia di oggi è che il Presidente di Confindustria Piemonte, Gianfranco Carbonato, ed il Vice Presidente di Transpadana, Bruno Rambaudi hanno inviato al Presidente del Consiglio Letta e al Ministro delle Infrastrutture e dei Trasporti Lupi una petizione a favore della nuova linea Torino-Lione: la petizione è stata sottoscritta da 450 imprese del Piemonte, favorevoli alla realizzazione dell’opera.

IL SOSTEGNO DELLE IMPRESE – La petizione giunge alla vigilia del vertice italo-francese: un appuntamento cruciale verso la realizzazione della nuova linea ferroviaria Torino-Lione, in particolare al tunnel di 57 chilometri che collega Italia e Francia e che costituisce l’ossatura dell’opera stessa. Le imprese favorevoli alla costruzione hanno così voluto dare il loro appoggio, sulla scia dell’iniziativa nazionale delle piccole e medie industrie a favore dell’opera, culminata, nel mese di aprile, con la sottoscrizione di un documento di sostegno da parte di 500 imprese di tutte le regioni italiane.

VIA LIBERA – Per quanto riguarda il fronte francese, il parlamento transalpino ha definitivamente approvato la ratifica del trattato internazionale della Torino-Lione. Il Senato di Parigi ha infatti dato via libera all’accordo, con il solo voto contrario del gruppo ecologista. Carbonato e Rambaudi hanno evidenziato nella petizione come «Le imprese del Piemonte, ed italiane, hanno bisogno di quest’opera, fondamentale acceleratore di crescita, competitività, occupazione e salvaguardia dell’ambiente grazie al trasferimento dei traffici alpini dalla strada alla ferrovia».

Il sindaco di Torino, Piero Fassino, ha commenta favorevolmente l’appello di 85 parlamentari francesi affinché la realizzazione dei cantieri venga accelerata: «Mi auguro che un impegno pieno in questa direzione venga preso nel corso del vertice bilaterale di domani».

Alberto Staiz

Share and Enjoy

  • Facebook
  • Twitter
  • Delicious
  • LinkedIn
  • StumbleUpon
  • Add to favorites
  • Email
  • RSS

Ti è piaciuto questo articolo? Fallo sapere ai tuoi amici

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato.

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>

 
Per inserire codice HTML inserirlo tra i tags [code][/code] .

I coupon di Wakeupnews