Tassista ucciso per cane: 16 anni a Ciavarella

Morris Ciavarella

MILANO – In seguito alla morte del tassista Luca Massari, avvenuta lo scorso ottobre a causa di un vero e proprio massacro ad opera di Morris Ciavarella, uno degli aggressori che aggredirono l’uomo con l’accusa di aver investito (accidentalmente) un loro cane, il gup Stefania Donadeo ha deciso per 16 anni di reclusione al termine del giudizio con rito abbreviato.

Il giovane è stato riconosciuto dal giudice come colpevole di omicidio volontario aggravato da futili motivi. Dall’accusa è stata, però, cancellata l’aggravante della crudeltà.

Lo sconto previsto dal rito abbreviato ha di fatto dimezzato la pena inizialmente richiesta dal pm Tiziana Siciliano, ovvero 30 anni.

Sono stati rinviati a giudizio per il mese di ottobre, al termine dell’udienza, anche i fratelli Stefania e Pietro Citterio, con l’accusa del medesimo reato. I due avevano optato per il rito ordinario.

(Foto | libero-news.it /

Redazione

Share and Enjoy

  • Facebook
  • Twitter
  • Delicious
  • LinkedIn
  • StumbleUpon
  • Add to favorites
  • Email
  • RSS

Ti è piaciuto questo articolo? Fallo sapere ai tuoi amici

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato.

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>

 
Per inserire codice HTML inserirlo tra i tags [code][/code] .

I coupon di Wakeupnews