Svezia, rivelati documenti segreti sulla famiglia reale

Regina Silvia di Svezia

Regina Silvia di Svezia

Stoccolma – È scandalo a Corte in seguito alla diffusione di documenti altamente riservati rinvenuti dai giornalisti di “Cold Facts” a Berlino e in Sud America. Secondo le rivelazioni rilasciate da un programma televisivo dedicato al giornalismo d’inchiesta, si smentirebbe quanto affermato dalla regina in precedenti dichiarazioni ufficiali. Dai documenti scoperti dai giornalisti emergerebbe che il padre della sovrana regnante Silvia avrebbe fatto parto del partito nazista dal 1934, un anno dopo l’ascesa al potere di Hitler. Si chiamava Walther Sommerlath, tedesco di origine. Rientrò in Germania un anno prima dello scoppio della guerra e si appropriò indebitamente di una fabbrica appartenente ad ebrei che produceva pezzi di carri armati e altri armamenti necessari al contingente sforzo bellico. La regina aveva sempre negato un legame del defunto padre con il partito nazista, specificando che la fabbrica di proprietà della sua famiglia produceva treni-giocattolo, asciugacapelli e mascherine anti-fumo. La famiglia reale aveva anche smentito che la fabbrica fosse stata sottratta a degli ebrei.

Ma ora a fronte delle recenti rivelazioni e delle prove documentarie in possesso dei giornalisti, la famiglia reale è stata costretta ad ammettere la verità. I documenti sono stati messi a disposizione del pubblico durante il programma televisivo Kalla Facta, in onda sulla tv svedese Tv4. In una nota del Palazzo reale, la regina ha ammesso che “il padre sia stato membro del partito nazista” aggiungendo di aver appreso la notizia solo in età adulta. Sono seguite le sue scuse ufficiali alla nazione.

Non sembra essere un bel momento per la casa regnante svedese. È tempo di polemiche. Questo scandalo si aggiunge alle rivelazioni di meno di un mese fa sul Re Carlo XVI Gustavo, la cui vita movimentata tra relazioni extraconiugali e festini di dubbia moralità era finita in un libro. La popolarità della famiglia reale sta davvero toccando il suo minimo storico.

Margherita Kochi


Share and Enjoy

  • Facebook
  • Twitter
  • Delicious
  • LinkedIn
  • StumbleUpon
  • Add to favorites
  • Email
  • RSS

Ti è piaciuto questo articolo? Fallo sapere ai tuoi amici

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato.

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>

 
Per inserire codice HTML inserirlo tra i tags [code][/code] .

I coupon di Wakeupnews