SuperPippo crea, il Milan distrugge. Roma, punti e morale a Basilea

SuperPippo sbeffeggia la natura (e il guardalinee) firmando una doppietta al Real “Moudrid”, Totti si sblocca dal dischetto e la Roma passa a Basilea. Risultati favorevoli nei gironi delle italiane, goleade esterne per Olympique e Bayern

Un pareggio di lusso e una vittoria esterna possono lasciare ugualmente l’amaro in bocca? Sì, se il pareggio viene incassato al 94′ a difesa schierata e se la vittoria esterna si macchia di due gol evitabili, che inclinano la differenza reti a favore degli avversari. Per le recriminazioni chiedere ad Allegri e Ranieri.

MILAN – REAL MADRID 2-2: Higuain (R) 45′ p.t.; Inzaghi (M) 23′ e 33′ s.t., Pedro Leon (R) 49′ s.t.

Inzaghi e Mourinho: due protagonisti si abbracciano a fine partita (Ap)

INZAGHI DA RECORD - Nella notte delle stelle, quella che brilla più di tutte è un vecchio astro 37 enne, che illumina il prato del Meazza con la sua corsa sgraziata ed i suoi occhi spiritati. Il vantaggio di Higuain allo scadere del primo tempo è il click sull’interruttore che risveglia Allegri dal caldo torpore delle panchine riscaldate di San Siro: il Real sta mettendo sotto ancora una volta un Milan generoso ma confusionario. Dopo meno di un’ora di gioco l’abulico Ronaldinho torna sotto la doccia, per lasciare spazio al famelico Inzaghi. Raul lo scorso turno lo ha superato nella classifica dei goleador europei? Eresia: in meno di dieci minuti dall’ingresso in campo Pippo si è già avventato in area sulla smanacciata suicida di Casillas e l’1-1 è cosa fatta. Passano altri 600 secondi e stavolta a restare ipnotizzato (pacchianamente) è il guardalinee, che giudica regolare la posizione di Inzaghi e lo lascia libero di involarsi verso il 2-1 di astuzia, con la palla che rotola lentamente in porta beffando l’uscita alta di san Iker. Il pareggio al 94′ di Pedro Leon, che evita a Mourinho la prima sconfitta stagionale, è il giusto coronamento dal punto di vista del risultato di un match vibrante e teso al punto giusto. Il Real è sempre meno Madrid e sempre più Moudrid, con l’aggravante, per così dire, di un gioco veloce e spettacolare che il tecnico portoghese non riusciva a mettere in campo dai tempi del Porto campione d’Europa. Il Milan tiene in caldo il secondo posto grazie alla sconfitta dell’Ajax, Inzaghi tiene viva la sua leggenda con le reti europee numero 69 e 70 della sua carriera. SuperPippo aveva anche le magliette celebrative pronte: non una, ma due. Quando si dice avere il gol nel sangue.

kids468x60

BASILEA – ROMA 2-3: Menez (R) 17′ p.t., Totti (R) 26′ p.t. (rig.); Frei (B) 24′ s.t., Greco (R) 32′ s.t., Shaqiri (B) 38′ s.t.  

Jeremy Menez ha aperto le marcature a Basilea (forzamagica.it)

PORTE APERTE A BASILEA – Cinque gol e divertimento in Basilea – Roma: i giallorossi possono gioire per una classifica che torna a sorridere, ma il gol del 2-3 mette un po’ di sale sulla coda del girone E, in quanto, ad eventuale parità di punti tra la Roma e gli svizzeri, ad andare avanti sarebbero gli elvetici grazie all’1-3 all’Olimpico di quindici giorni fa. Sotto gli occhi di sua maestà Roger Federer, lo spettacolo offerto dai padroni di casa è tutt’altro che regale: in 25 minuti Menez (con un bel destro dal limite) e il ritrovato Totti (dagli 11 metri) chiudono già la pratica. Nella ripresa l’imprescindibile tendenza della Roma 2010/2011 a farsi male da sola torna a farla da padrona e Burdisso spizza di testa un pallone destinato ad accomodarsi tra le braccia di Julio Sergio. Frei ringrazia ed accorcia le distanze. Il 24enne Leandro Greco, al 32′ del secondo tempo, realizza il suo primo eurogol giallorosso, impattando il risultato dell’andata con una rasoiata che fa a fette la difesa-emmenthal del Basilea. Giochi chiusi? Macché. La Roma si complica ancora un po’ la vita, lasciando a Shaqiri il tap-in vincente a pochi metri dalla linea di porta, dopo aver dato un saggio di ciò che una difesa schierata non deve assolutamente fare quando mancano 7 minuti alla fine di una partita. Secondo posto solitario e Bayern Monaco già qualificato: i tedeschi non sono tipi da prendere sottogamba neanche con il turno successivo già in tasca, ma la soddisfazione in casa giallorossa è lungi dall’essere celata. Gol e punti ci sono, per il gioco si prega di ripassare.

Francesco Guarino

 

I RISULTATI DELLE ALTRE PARTITE E LE CLASSIFICHE ———->

Share and Enjoy

  • Facebook
  • Twitter
  • Delicious
  • LinkedIn
  • StumbleUpon
  • Add to favorites
  • Email
  • RSS

1 2

Ti è piaciuto questo articolo? Fallo sapere ai tuoi amici

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato.


*

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>

Per inserire codice HTML inserirlo tra i tags [code][/code] .

I coupon di Wakeupnews