Superbike, Magny-Cours: Biaggi è campione del mondo per mezzo punto!

Max Biaggi campione del mondo 2012

Max Biaggi è campione del mondo(eniracing.com)

Magny-Cours, Francia – Soffertissimo ma, alla fine, il titolo è arrivato: Max Biaggi si è laureato campione del mondo della Superbike per la seconda volta nella sua lunghissima carriera, al termine di una stagione ricca di colpi di scena e che lo ha certamente fatto ben più soffrire del 2010. Il distacco di solo mezzo punto che relega il vincitore della seconda manche Tom Sykes in seconda piazza dice tutto sulla tensione che ha caratterizzato quest’ultima gara: il pilota Kawasaki ha fatto quanto in suo possesso, ma anche il Corsaro ha svolto il suo dovere centrando l’agognata quinta posizione sul finire di una corsa non priva di sorprese. Onore comunque al merito anche di Sykes e Melandri, caduto nei primi giri a causa di una macchia bagnata traditrice.

Festeggiano al parco chiuso anche Rea e Guintoli, che completano il podio insieme a Sykes.

LA GARA – Tensione alle stelle sulla pista, in attesa che scatti il pronti via degli ultimi 23 giri della stagione 2012. L’asfalto si è quasi completamente asciugato ma non mancano alcune chiazze di umido: verosimilmente, si partirà con gomme da asciutto ma con un occhio di riguardo alla prudenza. Nonostante la minaccia pioggia non sembri concreta questo pomeriggio, la gara è dichiarata bagnata.

Allo spegnimento del semaforo scatta ancora molto bene Sykes, subito incalzato da Laverty. I due si contendono la prima piazza, mentre Guintoli si porta al terzo posto. Piuttosto attardato Biaggi, al quale del resto potrebbe bastare non commettere grossi errori per vincere il titolo.

Dopo una dura bagarre con Laverty, Sykes guadagna qualche metro. Biaggi procede cauto ed è ai margini della top-ten, Melandri è sesto.  In questa fase, a girare più veloce di tutti è però Rea, che viaggia in quinta posizione.

Mentre Sykes conduce il gruppo, Biaggi scavalca Baz. Tutto sommato, la testa della corsa è ancora piuttosto compatta e nulla è ancora deciso né per la gara né per il mondiale. Il primo a rinunciare definitivamente al titolo è Melandri, sbalzato letteralmente via dalla sua BMW dopo essere incappato in una chiazza di umido: le speranze iridate del ravennate erano in realtà piuttosto scarse e nel box desta dunque grande preoccupazione soprattutto l’eventuale riacutizzarsi dell’infortunio già patito a Portimao.

Tom Sykes Magny Cours 2012

Tom Sykes (racingworld.com)

Complici diversi errori e cadute, Biaggi sopravanza fino alla sesta posizione: con Sykes in testa, manca ancora mezzo punto per il campionato. Qualche metro dopo, però, incappa in un lungo e cede la piazza a Giugliano. La situazione in casa Aprilia è nervosa ma l’obiettivo è ancora alla portata. Nel frattempo, anche Michel Fabrizio incorre in una brutta caduta.

Sykes e Biaggi si stanno letteralmente sudando la posta in palio: il britannico ha dietro di sé ben 3 piloti pronti a scippargli la vittoria; Max è invece nervoso e varie sbavature gli rendono difficile il sorpasso ai danni delle Ducati del team Althea.

Con 9 giri ancora da percorrere, la situazione inizia a definirsi in favore di Biaggi. Su Sykes incombe Guintoli e il Corsaro ci mette del suo sopravanzando finalmente Checa. La sua Aprilia guadagna metri e ora è virtualmente campione del mondo per solo mezzo punto!

A 3 giri dalla conclusione, Sykes ha solo un margine minimo su Rea e Guintoli. Ormai attardato Eugene Laverty, che gira adesso palesemente più lento del team-mate Biaggi. Al box e al muretto Aprilia, dove spicca la presenza di Jorge Lorenzo, si aspetta ormai solo la fine della corsa per festeggiare. Sykes vince ma Max è quinto e tanto basta per onorare il sesto titolo in carriera.

La classifica ufficiale della gara:

01- Tom Sykes – Kawasaki Racing Team – Kawasaki ZX-10R – 23 giri in 38’15.725
02- Jonathan Rea – Honda World Superbike Team – Honda CBR 1000RR – + 1.354
03- Sylvain Guintoli – PATA Racing Team – Ducati 1198 – + 2.393
04- Eugene Laverty – Aprilia Racing Team – Aprilia RSV4 Factory – + 13.122
05- Max Biaggi – Aprilia Racing Team – Aprilia RSV4 Factory – + 13.955
06- Davide Giugliano – Althea Racing – Ducati 1198 – + 18.229
07- Carlos Checa – Althea Racing – Ducati 1198 – + 18.430
08- Chaz Davies – ParkinGO MTC Racing – Aprilia RSV4 Factory – + 26.648
09- Ayrton Badovini – BMW Motorrad Italia GoldBet – BMW S1000RR – + 33.809
10- Leon Camier – FIXI Crescent Suzuki – Suzuki GSX-R 1000 – + 37.217
11- Maxime Berger – Red Devils Roma – Ducati 1198 – + 38.871
12- Claudio Corti – Team Pedercini – Kawasaki ZX-10R – + 55.714
13- Lorenzo Zanetti – PATA Racing Team – Ducati 1198 – + 57.621

14- Hiroshi Aoyama – Honda World Superbike Team – Honda CBR 1000RR – + 1’05.487
15- Norino Brignola – Grillini Progea Superbike Team – BMW S1000RR – a 1 giro

Mara Guarino

Foto homepage via: eniracing.com

 

Share and Enjoy

  • Facebook
  • Twitter
  • Delicious
  • LinkedIn
  • StumbleUpon
  • Add to favorites
  • Email
  • RSS

Ti è piaciuto questo articolo? Fallo sapere ai tuoi amici

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato.

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>

 
Per inserire codice HTML inserirlo tra i tags [code][/code] .

I coupon di Wakeupnews