Superbike, Aragon, gara1: vittoria per Biaggi. Bel duello con Melandri

Max Biaggi (motorcyclenews.com)

Alcañiz, Spagna – Fantastica vittoria per Max Biaggi che piega con un ultimo giro quasi perfetto le resistenze di Marco Melandri. Il ravennate della BMW ha tentato di portare a casa la vittoria sino all’ultimo ma, proprio nel last lap, è mancato l’attacco decisivo. La gara è stata comunque tutt’altro che avara di sorpassi, e non per solo merito della coppia di testa. Si è a lungo combattuto anche per il terzo posto, poi andato a Carlos Checa, suo malgrado favorito dalla collisione tra Sykes e Badovini. Proprio lo spagnolo non ha esitato a condannare come troppo azzardato e pericoloso l’ingresso del pilota italiano, che avrebbe così gettato alle ortiche la possibilità di un ottimo piazzamento.

LA GARA – Scattano molto bene i piloti della prima fila mentre, alle loro spalle, diverse moto restano coinvolte in un contatto al via. Tra loro, anche la Honda di Rea. Sykes mantiene il comando, inseguito dalla coppia Aprilia e da Marco Melandri. Dietro al ravennate, le Ducati di Giugliano e Checa in bagarre tra loro.

Al termine del primo giro, è Laverty a portarsi davanti a tutti. Eugene pare voler fare selezione, Biaggi si affretta quindi a sorpassare Sykes a propria volta così da non perdere il contatto. Anche Melandri dovrebbe fare altrettanto se non vuole trovarsi poi costretto all’inseguimento. Proprio mentre il numero 33 scavalca Sykes, Biaggi sopravanza Laverty forte di un giro record. Max ha dalla sua un gran passo e Marco lo sa, come dimostra il botta e risposta con Laverty che tenta di resistere.

Marco Melandri (motorcyclenews.com)

Biaggi approfitta dello spettacolo alle sue spalle per guadagnare metri preziosi. Il suo vantaggio su Melandri è di un secondo e mezzo. La sequenza di giri veloci dimostra che il recupero della BMW non è scontato. Il ritmo dei due italiani sembra invece insostenibile per le altre derivate di serie in pista. Saranno forse le gomme a fare da arbitro? In effetti, le temperature meno torride rispetto a quelle dei giorni passati potrebbero aver reso la scelta ancora più incerta.

Melandri si avvicina piano ma inesorabilmente. A 13 giri dalla conclusione, il distacco è sceso a 6 decimi. Per la terza posizione, è invece lotta tra Sykes e Laverty. Badovini, Checa e Davies sono comunque pronti a unirsi al gruppo.

Con 9 giri ancora da percorrere, Melandri dà il via alla battaglia, favorito da un piccolo errore di Biaggi. Probabilmente, il ravennate proverà a velocizzare il ritmo per capire se c’è la possibilità di scappare via. Peccato che un lungo vanifichi il piano riportando Biaggi davanti. Entrambi i piloti non sono perfetti, iniziano forse a fare i conti con l’usura delle gomme. Si gestisce in attesa dello scontro finale. Il più veloce in pista in questa fase è l’ottimo Ayrton Badovini.

Dopo qualche giro negli scarichi dell’Aprilia, Melandri riprova l’affondo ma Biaggi non molla e resta cucito agli scarichi della BMW. I due si stuzzicano ormai in continuazione, pur mantenendo un ritmo di tutto rispetto. Si prospetta un finale da cardiopalma.

L’ultimo giro inizia con Biaggi in testa e addirittura pronto l’allungo. Melandri è vicino ma non abbastanza da poter tentare l’azzardo. Sul gradino più basso del podio Checa, favorito dalla collisione fatale tra Sykes e Badovini. Quarto posto per Chaz Davies.

Appuntamento alle ore 15.30 con gara2.

La classifica ufficiale di gara1:

01- Max Biaggi – Aprilia Racing Team – Aprilia RSV4 Factory – 20 giri in 39’51.188
02- Marco Melandri – BMW Motorrad Motorsport – BMW S1000RR – + 0.278
03- Carlos Checa – Althea Racing – Ducati 1198 – + 9.462
04- Chaz Davies – ParkinGO MTC Racing – Aprilia RSV4 Factory – + 10.827
05- Eugene Laverty – Aprilia Racing Team – Aprilia RSV4 Factory – + 15.708
06- Michel Fabrizio – BMW Motorrad Italia GoldBet – BMW S1000RR – + 27.597
07- Leon Haslam – BMW Motorrad Motorsport – BMW S1000RR – + 29.032
08- Davide Giugliano – Althea Racing – Ducati 1198 – + 39.374
09- Leon Camier – FIXI Crescent Suzuki – Suzuki GSX-R 1000 – + 40.887
10- Maxime Berger – Team Effenbert Liberty Racing – Ducati 1198 – + 41.440
11- Niccolò Canepa – Red Devils Roma – Ducati 1198 – + 42.056
12- Sylvain Guintoli – Team Effenbert Liberty Racing – Ducati 1198 – + 42.369
13- Lorenzo Zanetti – PATA Racing Team – Ducati 1198 – + 42.669
14- Hiroshi Aoyama – Honda World Superbike Team – Honda CBR 1000RR – + 48.010
15- John Hopkins – FIXI Crescent Suzuki – Suzuki GSX-R 1000 – + 49.752
16- Jonathan Rea – Honda World Superbike Team – Honda CBR 1000RR – + 54.590
17- Norino Brignola – Grillini Progea Superbike Team – BMW S1000RR – + 1’59.653

Mara Guarino

Foto homepage via: heraldsun.com.au

Share and Enjoy

  • Facebook
  • Twitter
  • Delicious
  • LinkedIn
  • StumbleUpon
  • Add to favorites
  • Email
  • RSS

Ti è piaciuto questo articolo? Fallo sapere ai tuoi amici

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato.

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>

 
Per inserire codice HTML inserirlo tra i tags [code][/code] .

I coupon di Wakeupnews