Su Google Images scomparse le foto dell’aggressione a Berlusconi

Un vero e proprio mistero. Dove sono finite le immagini di Berliusconi ferito al volto a piazza Duomo? Su Google immagini non sono infatti più reperibili. Non esistono. Eppure fino a qualche giorno c’erano.
Il tutto sembra parecchio strano, visto che invece le foto ci sono su Google news corredate agli articoli apparsi in questi giorni. Se si fa una ricerca per ‘immagini’ digitando alcune frasi, tipo ‘Silvio Berlusconi Duomo’ o ‘Berlusconi ferito/insanguinato’ e perfino ‘Berlusconi Tartaglia’, il presidente del Consiglio appare sorridente, mentre si sistema la cravatta, in comizio o di fronte alla gente.Ma non con il volto ricoperto di sangue.
Non accade lo stesso negli altri motori di ricerca. Su Bing o Yahoo, con gli stessi parametri, le foto del premier col volto tumefatto appaiono. Stessa cosa accade per la miniatura del duomo usata per l’aggressione, sparita solo da Google.
«Aggiorniamo l’indice delle immagini regolarmente ma questa procedura richiede tempo, pertanto è possibile che immagini già comparse in articoli non siano immediatamente disponibili nei risultati della ricerca immagini su Google». Così Google Italia risponde, in una nota ufficiale, alle segnalazioni riguardanti la non facile reperibilità delle immagini.
«Google dà una grande importanza all’imparzialità dei propri risultati di ricerca – continua -. Non censuriamo nè rimuoviamo immagini a meno che non provengano da pagine web che violano le nostre linee guida per Webmaster, non ci venga imposto dalla legge o non venga espressamente richiesto dal webmaster responsabile della pagina che le ospita».

A qualche giorno dall’aggressione, sul più famoso motore di ricerca non ci sono più le foto del premier sanguinante. Google: “Disservizio temporaneo”

di Redazione

Berlusconi colpito al volto

Berlusconi colpito al volto

Un vero e proprio mistero. Dove sono finite le immagini di Berlusconi ferito al volto a piazza Duomo? Su Google Immagini non sono infatti più reperibili. Non esistono. Eppure fino a qualche giorno c’erano.

Il tutto sembra parecchio strano, visto che le foto in questione ci sono su Google News corredate agli articoli apparsi in questi giorni. Se si fa una ricerca per ‘immagini’ digitando alcune frasi, tipo ‘Silvio Berlusconi Duomo’ o ‘Berlusconi ferito/insanguinato’ e perfino ‘Berlusconi Tartaglia’, il presidente del Consiglio appare sorridente, mentre si sistema la cravatta, in comizio o di fronte alla gente. Ma non con il volto ricoperto di sangue.

Non accade lo stesso negli altri motori di ricerca. Su Bing o Yahoo, con i parametri sopra citati, le foto del premier col volto tumefatto appaiono. Stessa destino per le immagini della miniatura del Duomo usata per l’aggressione e di Massimo Tartaglia, l’uomo che ha colpito il Cavaliere, sparite solo da Google.

«Aggiorniamo l’indice delle immagini regolarmente ma questa procedura richiede tempo, pertanto è possibile che immagini già comparse in articoli non siano immediatamente disponibili nei risultati della ricerca immagini». Così Google Italia risponde, in una nota ufficiale, alle segnalazioni riguardanti la non facile reperibilità delle immagini. «Google dà una grande importanza all’imparzialità dei propri risultati di ricerca – continua -. Non censuriamo nè rimuoviamo immagini a meno che non provengano da pagine web che violano le nostre linee guida per Webmaster, non ci venga imposto dalla legge o non venga espressamente richiesto dal webmaster responsabile della pagina che le ospita».

Vedremo, a questo punto, quando e se ricompariranno.

Share and Enjoy

  • Facebook
  • Twitter
  • Delicious
  • LinkedIn
  • StumbleUpon
  • Add to favorites
  • Email
  • RSS

Ti è piaciuto questo articolo? Fallo sapere ai tuoi amici

Una risposta a Su Google Images scomparse le foto dell’aggressione a Berlusconi

  1. avatar
    Giampi 16/12/2009 a 19:58

    MI AUGURO CHE NESSUN SITO VENGA OSCURATO IN PROPOSITO NE DA LEGGI AD HOC NE DA INTERESSI DI QUALCUNO
    ALMENO AD OGGI LA RETE E’ L’UNICA CHE DA LIBERA INFORMAZIONE E MANIFESTAZIONE DEL PROPRIO DISSENSO, E’ TALE DEVE RIMANERE
    IL CONTRARIO DIVERREBBE SICURAMENTE UNA SOPPRESSIONE DEL LIBERO PENSIERO
    …. DA MOLTO I GOVERNI CERCANO DI OSCURARE TALE LIBERTA’ PRIMA O POI CON UNA SCUSA O CON UN’ALTRA DARANNO INIZIO A QUESTO SCEMPIO
    GIAMPI

    Rispondi

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato.

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>

 
Per inserire codice HTML inserirlo tra i tags [code][/code] .

I coupon di Wakeupnews