Stipendi, in pole position ci sono i cinquantenni laureati

Ecco quanto contano nella busta paga il sesso, il  titolo di studio e l’età

682423_88496930Roma Uomini  over 50 e tutti laureati.  Sono loro che guadagnano di più. A renderlo noto è Unioncamere,  grazie ad un’indagine realizzata in collaborazione con la società specializzata nelle politiche retributive ODM & Consulting e Gi Group, primo gruppo italiano nei servizi per il mercato del lavoro. Poco meno di 2 mila euro lordi al mese, 25.510 (+ 1,7% rispetto al 2007) è la retribuzione media dei dipendenti delle imprese private nel 2008.  Questi sono alcuni dei risultati  del rapporto “Domanda  di lavoro e retribuzioni nelle imprese italiane”.

Tuttavia molto dipende dal tipo di livello contrattuale e dall’attività: si va dai 21.800 euro di chi svolge una professione non qualificata ai 93.450 euro per i dirigenti. C’è comunque una differenza notevole tra salari maschili e salari femminili (pari a circa 3.000 euro a favore degli uomini) e le “carriere rosa” partono, ancora una volta,  in svantaggio.  Sensibile ancora la distanza tra retribuzioni medie di quanti sono in possesso del titolo di scuola dell’obbligo e dei laureati che guadagnano circa 15.000 euro in più all’anno rispetto ai diplomati.  Come ultima “causa”, ma non meno importante e influente delle altre,  c’è l’età. Un cinquantenne con la terza media arriva a percepire uno stipendio superiore al 25% rispetto a un suo pari livello ventiquattrenne, mentre un laureato over 50 guadagna il 180% in più di quando è stato assunto e i due terzi di più di un lavoratore non qualificato.

I veneziani se la passano meglio. Nel 2008 la media delle retribuzioni nella provincia lagunare  ammontava a 26.190, rispetto alla media regionale (25.430) e  a quella nazionale. I motivi? “Il fatto è che parliamo di una provincia molto dinamica – spiega il dott. Roberto Crosta segretario generale della Camera di Commercio di Venezia – ed è’ un’area fortemente terziarizzata e dove quindi le valutazioni possono esprimere valori come quelli rilevati dal rapporto”.

Crescono gli stipendi tra i manager responsabili della funzione aziendale Information & Communication Technology, i cosiddetti CIO (Chief Information Officer). Il loro stipendio oscilla tra gli 82 e i 115 mila euro all’anno. Il dato varia rispetto alle dimensioni delle aziende (piccole, medie e grandi), al numero di risorse gestite e alla misura di budget attribuito alla Direzione ICT.  L’ambito economico nel quale Cio è meglio retribuito e gestisce un budget più consistente è il settore Banche e Assicurazioni.

1-1232472794l8uUOggi si discute tanto sulla “crisi economico finanziaria” che purtroppo c’è e non possiamo evitare di parlarne.  I consigli per uscirne? Trovare i manager “giusti” per l’azienda, cioè esperti di controllo di gestione, in sviluppo commerciale e vendite ed esperti in taglio dei costi e ristrutturazione.  Secondo le indagini di OD&M Consulting un primo passo potrebbe essere proprio quello di dotarsi di figure capaci di traghettare le aziende verso lidi più sicuri. Nel prossimo futuro, infatti, le aziende campione chiederanno professionalità legate all’area commerciale, tanto tra i dirigenti quanto tra i quadri.

Share and Enjoy

  • Facebook
  • Twitter
  • Delicious
  • LinkedIn
  • StumbleUpon
  • Add to favorites
  • Email
  • RSS

Ti è piaciuto questo articolo? Fallo sapere ai tuoi amici

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato.

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>

 
Per inserire codice HTML inserirlo tra i tags [code][/code] .

I coupon di Wakeupnews