Steven Gerrard: nel giorno dell’addio Cannavaro lo confonde per Lampard

Gerrard

Le immagini dell’ultimo ingresso ad Anfield Road di Steven Gerrard con le sue tre figlie hanno fatto il giro del mondo. Raramente nel mondo del calcio avvengono scene come quella di due giorni fa, in cui un intero stadio, compresi i giocatori avversari, omaggia il suo capitano che nella sua carriera ha indossato solo e soltanto la maglietta di una squadra. Calciatori di tutto il mondo hanno voluto omaggiare Gerrard. Qualcuno però si è sbagliato, e anche di parecchio.

TOTTI E BALO - Il capitano della Roma Francesco Totti (per alcuni aspetti paragonabile a Gerrard) ha scritto che i tifosi dei Reds «dovrebbero sentirsi onorati di aver avuto un capitano come lui». Mario Balotelli, attacante del Liverpool (anche se non si sa ancora per quanto) lo ha descritto come grande uomo e un bravo capitano. Anche l’ex capitano della nazionale italiana che ha alzato la coppa del mondo il 9 luglio 2006 a Berlino ha provato a celebrare nel suo piccolo Gerrard, ma non ci è riuscito.

8 SBAGLIATO - Sul noto social network Instagram Cannavaro, attraverso il proprio profilo ufficiale, ha postato una foto del 2002 che ritraeva lui e il numero 8 dell’Inghilterra. Peccato però che non fosse Steven Gerrard, ma Frank Lampard. Accortosi dell’errore, poi Cannavaro ha cancellato la foto.

MAI UNO SCUDETTO - Per capire la grandiosità di Steven Gerrard basta ricordare alcuni date e alcuni numeri. Esordì con il Liverpool nella stagione 1998/99. Da allora ha collezionato 688 presenze, 179 gol e 100 assist. Ha vinto una Coppa Uefa, due coppe d’Inghilterra, tre coppe di Lega Inglese, due Community Shield, due supercoppe europee. E, soprattutto, la storica Champions League del 2005 conquistata ad Instabul contro il Milan che dopo il primo in vantaggio conduceva per tre reti a zero. La cosa incredibile è che Gerrard non ha mai vinto il campionato inglese. L’anno scorso ci andò vicinissimo, ma nella partita contro il Chelsea proprio Gerrard commise un errore incredibile perdendo palla a metà campo e regalando la rete del vantaggio ai blues. Alla fine la Premier League la vinse il Manchester City.

Giacomo Cangi

@GiacomoCangi

Share and Enjoy

  • Facebook
  • Twitter
  • Delicious
  • LinkedIn
  • StumbleUpon
  • Add to favorites
  • Email
  • RSS

Ti è piaciuto questo articolo? Fallo sapere ai tuoi amici

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato.

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>

 
Per inserire codice HTML inserirlo tra i tags [code][/code] .

I coupon di Wakeupnews