State of affairs: il ritorno di Katherine Heigl in tv

Una serie di stampo spionistico per il ritorno di Katherine Heigl in tv, State of affairs però non convince la critica

Dopo anni di lontananza, Katherine Heigl torna in tv, il 17 novembre, con una nuova serie State of affairs in cui vestirà i panni di un agente della CIA.

UN RITORNO ALLE ORIGINI – Per molti Katherine Heigl è ancora la bella dottoressa Izzie Stevens di Grey’s Anatomy, anche se alcune commedie romantiche (Molto incinta e 27 volte in bianco) l’abbiano per qualche anno portata al cinema, prospettato una carriera lontana dal piccolo schermo che, in quanto piccolo, sembrava proprio stare stretto alla Heigl. Il ritorno ai ritmi della tv quindi è stata un po’ una sorpresa, nonostante la sua carriera cinematografica abbia subito uno stop e anche se ormai da anni lo scambio di attori tra cinema e tv è stato sdoganato.

State of affairs

Katherine Heigl è Charleston Tucker (www.nbc.com)

LA TRAMA Ogni giorno il presidente, donna, degli Stati Uniti deve prendere decisioni complicate, affrontare grandi crisi internazionali ed ad aiutarla, organizzando la sua “agenda”, c’è l’analista della CIA Charleston Tucker (Katherine Heigl). Ovviamente su Charleston e il suo gruppo di lavoro, tutti analisti brillanti, ricade il giudizio della comunità soprattutto quando i temi sono caldi e la sicurezza nazionale è in pericolo. Ma oltre al campo minato della politica in cui deve camminare, Charlie ha anche una stretta relazione personale con il presidente, Constance Payton (Alfre Woodard): era, infatti, la fidanzata del figlio, prima di un tragico attacco terroristico in cui l’uomo ha perso la vita. Charlie è sopravvissuta all’attacco ed è ora determinata a assicurare i responsabili alla giustizia.

https://www.youtube.com/watch?v=nVSEI6fupqo – La Heigl torna in tv come protagonista per l’emittente NBC e State of affairs debutterà il 17 novembre. Nettamente in ritardo se si pensa alla prassi per le serie di soli 13 episodi che di solito partono o in ottobre o in aprile. Il format quindi si troverà a sfidare in palinsesto serie già iniziate che hanno avuto settimane per fidelizzare i telespettatori.  Un inizio in  salita che puzza di flop.

 Alfre Woodard è Constance Payton (www.nbc.com)

Alfre Woodard è Constance Payton (www.nbc.com)

CRITICI INSODDISFATTI La critica americana che ha ricevuto in anteprima il pilota è rimasta notevolmente scontenta da State of Affairs. L’appunto più grande è che i primi quaranta minuti sono un calderone di eventi in cui è difficile districarsi. Il personaggio delle Heigl, che dovrebbe essere una leader d’eccellenza, non convince nessuno e in molti l’hanno paragonata ad altri personaggi similari di grandissimo successo come Carrie Mathison di Homeland, decretandone la sconfitta su campo. In sintesi, per i critici americani né la caratterizzazione del personaggio, né la recitazione della Heigl sembrano all’altezza. L’unica per cui si sono spese parole di stima è Alfre Woodard che nel ruolo di presidente sembra confermare la sua bravura. Il problema è che, con palinsesti sempre più competitivi, dove il livello medio diventa sempre più alto, per sperare in un rinnovo bisogna avere qualcosa in più, oppure una immensa e indiscussa fortuna. Sarà questo il caso di Katherine Heigl e del suo State of affairs?

Elisabetta Tirabassi

@elisabettatb

Share and Enjoy

  • Facebook
  • Twitter
  • Delicious
  • LinkedIn
  • StumbleUpon
  • Add to favorites
  • Email
  • RSS

Ti è piaciuto questo articolo? Fallo sapere ai tuoi amici

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato.

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>

 
Per inserire codice HTML inserirlo tra i tags [code][/code] .

I coupon di Wakeupnews