Stallone: il figlio trovato morto per probabile overdose di farmaci

Sage Stallone

NEW YORK – Tragica notizia giunta, la notte scorsa, all’attore statunitense Sylvester Stallone mentre si trovava a San Diego per il festival della cultura Pop Comic- Con, impegnato nella promozione del suo ultimo lungometraggio, The Expendables II. Il primogenito 36enne della star – Sage Stallone – è stato trovato morto dalla cameriera nella sua casa del quartiere Studio City, a Los Angeles. Sconvolti non solo papà Sylvester, ma anche Sasha Ash, prima delle tre mogli di Sly e madre del ragazzo.

Non sono ancora ufficialmente note le cause del decesso, ma l’ipotesi più probabile e accreditata è che si tratti di un’overdose di farmaci. L’interrogativo resta se l’abuso di pillole sia stato una tragica fatalità, uno sbaglio, oppure una scelta volontaria. Sage Stallone, Sage Moonblood ‘Sangue di luna’ come era stato denominato, soffriva forse di disturbi legati all’ansia e alla paura di un confronto con un padre superstar di cui non riusciva ad equagliare la carriera e il successo?La risposta sembra sia no, considerato che – stando alle dichiarazioni del suo legale George Braunstein – Stallone jr ultimamente era sempre di ottimo umore, entusiasta per una serie di progetti a cui stava lavorando e, come amava ripetere, impegnato anche nel pianificare il suo matrimonio.

kids468x60

Sage aveva mosso i primi passi nel mondo del cinema grazie al padre, già da tempo divo internazionale, che in Rocky 5 lo aveva voluto, 15enne, ad interpretare il figlio nella fiction come nella realtà; poi una parte in Daylight e poco altro, in parallelo ad una carriera come manager con la fondazione di una società specializzata in vecchi film di cassetta degli anni Settanta ed un esordio in veste di regista poco più di 5 anni fa con Vic,  storia di un attore sul viale del tramonto che, dopo una misteriosa telefonata, ossessionato dalla fama perduta, tenta un impossibile ritorno a Hollywood.

Già Hollywood, quella collina e quel mondo dorato dove Sage Stallone aveva accesso solo all’ombra dell’ingombrante genitore, icona grazie a film come la ‘saga’ di Rocky o action movie quali Rambo, attore il cui successo era difficile da eguagliare e alla cui competizione, Moonblood, non era forse preparato. Qualunque sia la verità, in ogni caso, è stata cancellata da una confezione di ansiolitici di troppo.

Laura Dabbene

Share and Enjoy

  • Facebook
  • Twitter
  • Delicious
  • LinkedIn
  • StumbleUpon
  • Add to favorites
  • Email
  • RSS

Ti è piaciuto questo articolo? Fallo sapere ai tuoi amici

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato.


*

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>

Per inserire codice HTML inserirlo tra i tags [code][/code] .

I coupon di Wakeupnews