Sperimentato vaccino che combatte la dipendenza dalla cocaina

Sperimentato con successo sui topi un nuovo vaccino che combatte a livello immunitario la dipendenza dalla cocaina

(Fonte foto: www.antennaradioesse.it)

(Fonte foto: www.antennaradioesse.it)

Nonostante le critiche mosse al vaccino antinfluenzale lo scorso dicembre, i ricercatori di tutto il mondo continuano a lavorare alacremente per trovare il modo di sconfiggere diverse “malattie”. Se per malattia si intendono anche le dipendenze, allora il gioco è fatto: un team di ricercatori californiani ha infatti scoperto un vaccino contro la cocaina.

IL VACCINO PER COMBATTERE LA DIPENDENZA DA COCAINAA mettere a punto il nuovissimo siero contro la cocaina, ossia per combattere la dipendenza da questa droga, è stato un gruppo di ricercatori dello Scripps Research Institute di La Jolla, in California. Lo studio che riporta la genesi del vaccino e i risultati sperimentati è stato pubblicato sulla rivista scientifica «American Chemical Society Molecular Pharmaceutics».

Il vaccino è stato sperimentato sui topi e si fonda su una reazione immunitaria del corpo che provocherebbe l’annullamento dell’assuefazione, dunque la fine della dipendenza da cocaina. Come è noto, i vaccini solitamente vengono usati per combattere le infezioni causate da batteri o da virus (vaccini antinfluenzali); tuttavia essi possono essere “costruiti” e progettati anche per indurre il sistema immunitario del corpo a riconoscere alcune sostanze che non sono microbi. È il caso della flagellina, la proteina batterica utilizzata per “costruire” il vaccino contro la cocaina, che rileva la presenza di questa sostanza nell’organismo e attiva una risposta immunitaria di successo contro di essa.

(Fonte foto: www.julienews.it)

(Fonte foto: www.julienews.it)

LE DROGHE PIU’ DIFFUSE – Un primo passo di successo verso l’annullamento delle dipendenze da droga sembra dunque essere stato fatto, dopo molti tentativi falliti al riguardo. Ora non resta che attendere la sperimentazione sull’uomo.

Intanto, però, la sostanza psicoattiva più diffusa nel nostro Paese resta la cannabis, e solo al secondo posto si colloca la cocaina, utilizzata da circa quattro milioni di persone. In fondo alla classifica compare l’eroina. In generale, il Belpaese riporta un livello di consumo di droga superiore rispetto alla media europea.

Mariangela Campo

@MariCampo81

Share and Enjoy

  • Facebook
  • Twitter
  • Delicious
  • LinkedIn
  • StumbleUpon
  • Add to favorites
  • Email
  • RSS

Ti è piaciuto questo articolo? Fallo sapere ai tuoi amici

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato.

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>

 
Per inserire codice HTML inserirlo tra i tags [code][/code] .

I coupon di Wakeupnews