Spagna: no agli avvocati con velo islamico

Nell’aula di tribunale non si entra col burqa. Diritto all’uguaglianza o repressione della differenza?

di Silvia Nosenzo

1215437_muslim_girlOccorre vietare l’uso di simboli religiosi nei luoghi pubblici in nome di laicità e uguaglianza fra tutti i credi.  Per questo in Spagna è stato vietato ad un avvocato di entrare nell’aula di tribunale con il velo islamico. Un caso che stupisce, soprattutto se viene dalla Spagna progressista, dove temi ancora tabù come matrimonio gay o aborto sono trattati con la massima apertura.

Ma era già accaduto qualcosa di simile qualche anno fa in Francia, quando era sorto il dibattito sul divieto di indossare il velo islamico in classe; mentre solo di qualche settimana fa è la sentenza della Corte dei Diritti dell’Uomo che considererebbe l’uso del crocifisso nelle aule scolastiche europee una violazione alla libertà di credo.

È il solito problema: quello del ruolo del sacro nelle società moderne.

Libertà, Uguaglianza, Laicità sono i valori che abbiamo ereditato dall’Illuminismo e dalla Rivoluzione francese, e rappresentano i fondamenti su cui si basano lo Stato e la nostra società. Ma è proprio qui che si annida il paradosso: da una parte lo Stato laico vuole garantire uguaglianza e libertà per tutti, dall’altra vuole regolarle in modo autoritario, quasi potesse costituire un motivo di disordine.

Ma che fine fa così il diritto alla libertà d’espressione e alla differenza?

E soprattutto, perché la laicità, che è profondamente radicata nelle istituzioni e nella coscienza dei cittadini, dovrebbe trovarsi improvvisamente ad essere minacciata dal velo piuttosto che dal crocefisso? Perché sono considerati simboli religiosi così eclatanti?

858518_islamic_womanForse perché implicano una differenza di cultura, di storia, di concezione della vita, che non siamo in grado di comprendere, che ci fa paura, come se costituisse una minaccia alla nostra identità. Crediamo che eliminare fisicamente le differenza sia il primo passo verso l’integrazione, l’omogeneità, una vera società multiculturale. Ma è solo un meccanismo pericoloso che porta alla marginalizzazione, o nel migliore dei casi a un’ assimilazione superficiale.

Uguaglianza non significa rendere l’altro una copia di noi stessi, ma apprezzarne e valorizzarne la differenza, conoscendola, e non mettendola al bando.

Share and Enjoy

  • Facebook
  • Twitter
  • Delicious
  • LinkedIn
  • StumbleUpon
  • Add to favorites
  • Email
  • RSS

Ti è piaciuto questo articolo? Fallo sapere ai tuoi amici

2 Risponde a Spagna: no agli avvocati con velo islamico

  1. avatar
    brandisilvana@hotmail.it 12/11/2009 a 19:21

    MA IN SPAGNA NON SI ERA RAGGIUNTO UN GRADO DI MODERNITA’, DI L A I C I T A’, DI L I B E R T A’ SUPERIORE A TUTTI? WE WE ZAPATERO CHE MI COMBINI!

    Rispondi
  2. avatar
    Fabio 12/04/2013 a 21:49

    Bravi, un vero stato è laico quando le persone non invadono la libertà degli altri con i loro valori religiosi, tipo il velo o il crocifisso, abbiamo bisogno di un vero mondo laico, senza odio e distinzione religiosa, poi il velo è solo un punto d’inizio per schiavizzare le donne…da li si passa al Burqa e/o alle limitazioni delle libertà come guidare ecc….

    Rispondi

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato.

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>

 
Per inserire codice HTML inserirlo tra i tags [code][/code] .

I coupon di Wakeupnews