Spagna, da Burgos a Madrid: no al progetto del Gamonal

Spagna

Un agente antisommossa armato di fronte ai manifestanti del quartiere del Gamonal. Fonte: EFE

È ormai da una settimana che nel quartiere periferico di Gamonal, nella città castigliana di Burgos, le proteste contro la realizzazione di un nuovo piano urbanistico, considerato inopportuno,  si sono trasformate in scontri incessanti tra i concittadini e le forze dell’ordine. Ora, però, le voci di dissenso contro la ristrutturazione urbana sono arrivate sino a Madrid, proprio alla Puerta del Sol, e le manifestazioni di solidarietà con i cittadini di Gamonal si sono estese in tutta la Spagna.

SPECULAZIONE URBANISTICA – Il progetto iniziale di ristrutturazione della Calle Victoria, la strada principale del quartiere, significherebbe per le casse comunali un esborso di ben otto milioni e mezzo di euro, e le aziende a cui sono stati affidati gli appalti dei lavori sarebbero legate al partito di governo, il Partido Popular (Pp). È  pertanto, comprensibile come i cittadini di Burgos, con un debito comunale pari a 500 milioni di euro, siano stanchi di far lievitare a proprie spese le tasche degli speculatori edilizi e dei politici corrotti.

PROTESTE E SCONTRI – Lo scorso 10 gennaio i cittadini della località si sono riuniti in assemblea per contestare il progetto e dare un contraccolpo mediatico all’incredibile inerzia generale  dimostrata dai mezzi di informazione nazionali. La riunione si è conclusa per strada, con durissime cariche da parte della polizia, le quali non ha fatto altro che incrementare le tensioni e spingere i cittadini di Burgos a portare  avanti le loro proteste per tutta la settimana, arrivando fino alla capitale spagnola. Ieri, infatti, oltre duemila persone si sono concentrate davanti alla Puerta del Sol. Quando però hanno tentato di raggiungere la sede del Partido Popular, gli agenti antisommossa hanno bloccato il corteo con violente cariche che hanno causati diversi feriti e portato all’arresto di undici persone, tra cui tre minorenni e un pompiere accusato di aggressione a pubblico ufficiale e disordini.

IL SINDACO FA UN PASSO INDIETRO – Il sindaco di Burgos e membro del Pp, Javier Lacalle, dopo la settimana di proteste, ha fatto un passo indietro e ha dichiarato che sospenderà momentaneamente i lavori nel Gamonal per quindici o venti giorni. La misura è stata presa, secondo lo stesso, per cercare di dialogare con gli abitanti del quartiere, creando un gruppo di lavoro che riceva consensi per il progetto di Calle Victoria.

Sandra Alvarez

Share and Enjoy

  • Facebook
  • Twitter
  • Delicious
  • LinkedIn
  • StumbleUpon
  • Add to favorites
  • Email
  • RSS

Ti è piaciuto questo articolo? Fallo sapere ai tuoi amici

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato.

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>

 
Per inserire codice HTML inserirlo tra i tags [code][/code] .

I coupon di Wakeupnews