Soundgarden: Live on I5

Live on I5

È uscito questa settimana Live on I5, il primo live ufficiale dei Soundgarden, storici paladini del Grunge di Seattle, riuniti all’inizio del 2010 dopo quasi quindici anni di inattività. Lo scorso anno il quartetto si è presentato nuovamente dal vivo negli Stati Uniti ed ha pubblicato Telephantasm: a Retrospective, raccolta dei loro più grandi successi. Ora è il turno di questo buon live, fedele retrospettiva dei loro grandi successi, registrato tra novembre e dicembre del 1996. Il titolo si riferisce all’Interstate 5, strada che si snoda lungo tutta la costa ovest degli Stati Uniti: le canzoni che fanno parte di questo live sono infatti estratte da concerti avvenuti in località lungo costa occidentale.

La band sembra essere al momento in studio, e dovrebbe far uscire un nuovo album di inediti entro la fine dell’anno. Nel frattempo ci godiamo questo ottimo live, registrato prima dello scioglimento della band, che presenta il quartetto in ottima forma: la voce di Chris Cornell è in ottimo stato di forma e le prestazioni sulla palco di tutta la band mostrano un affiatamento non comune. Il risultato è un ottimo disco, fedele testimonianza di una band che ha fatto la storia del grunge ed ha rappresentato un’entità importante all’interno della storia del rock.

La tracklist fa molto affidamento sulle composizioni più vecchie della band e sui classici, come dimostrano i numerosi estratti da Badmotorfinger e Superunknown, i due dischi di maggior successo dei Soundgarden.

Una violenta Spoonman apre le danze, che continuano con l’ottimo trittico Searching with my Good Eye CloseLet me Drown e Head Down. Si continua poi con Outshined e Rusty Cage, veloce e violentissima, che rappresenta sicuramente uno degli apici del disco, assieme alla lunga Slaves & Bulldozers. Altra perla indiscussa è una spettacolare versione di Black Hole Sun con un Chris Cornell in estasi accompagnato solamente dalla sua chitarra elettrica in leggera distorsione. C’è tempo anche per un paio di cover: Search and Destroy degli Stooges ed una cupa, allucinata e ben riuscita cover di Helter Skelter dei Beatles. Conclude il disco una devastante Jesus Christ Pose. Diciassette canzoni in totale per quasi un’ora e venti di buona musica.

Come già detto in precedenza ci troviamo di fronte ad un ottimo live, fedele specchio della prima fase di vita della band, registrato non molto tempo prima del suo scioglimento. In un periodo quindi non felicissimo il quartetto offriva comunque delle performance live molto convincenti ed aggressive. Resta il dubbio sulla vera autenticità della reunion della band: non moltissimi infatti sono stati i concerti all’attivo dall’inizio del 2010, e sono stati pubblicati solamente una raccolta e questo Live on I5, composto da canzoni suonate in un tour di quindici anni fa, che quindi non può misurare l’effettivo stato di salute della band nel presente. Inoltre i componenti della band stanno continuando i loro progetti paralleli: Cornell è in tour da solista in acustico, mentre il batterista Matt Cameron continua (per fortuna) la sua felice esperienza con i Pearl Jam. La prova del nove sarà fornita dal nuovo disco di inediti, previsto entro la fine del 2011, che mostrerà se i Soundgarden hanno ancora qualcosa da dire o se la loro reunion è solamente il frutto di una trovata più commerciale che musicale. Ai posteri l’ardua sentenza; nel frattempo ci gustiamo questo buon live di una band che ha segnato in positivo il rock degli anni’90.

Alberto Staiz

Foto | via http://blog.leiweb.it, http://bandweblogs.com

Share and Enjoy

  • Facebook
  • Twitter
  • Delicious
  • LinkedIn
  • StumbleUpon
  • Add to favorites
  • Email
  • RSS

Ti è piaciuto questo articolo? Fallo sapere ai tuoi amici

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato.

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>

 
Per inserire codice HTML inserirlo tra i tags [code][/code] .

I coupon di Wakeupnews