Sønderborg e le città sorelle dal futuro a impatto zero

Il Centro per le Tecnologie Alternative, Machynlleth - Galles (www.newsky24.com)

Il Centro per le Tecnologie Alternative, Machynlleth – Galles (www.newsky24.com)

Sønderborg, Danimarca – Il cambiamento climatico è ormai una realtà anche in Italia. Allagamenti, mini trombe d’aria, danni causati dal maltempo sono all’ordine del giorno da Sud a Nord e non è certo solo colpa del cattivo stato delle nostre infrastrutture, che pur tanto danno ha fatto in questi anni. Mentre l’Italia si lecca le ferite, finanziando con la legge di stabilità l’acquisto di mobili, in altre parti del globo ci sono 36 città che pianificano un futuro a impatto zero. In quest’articolo presentiamo Sønderborg, in Danimarca.

PROJECTZERO, UN CAMBIO DRASTICO – La cittadina danese di 77 mila abitanti e circondata dall’acqua già dal 2007 ha fatto partire un piano chiamato ProjectZero, una sorta di joint-venture o società mista che comprende cittadini, una cinquantina di imprese e politici per arrivare ad essere una città ad impatto zero nel 2029. Per capirci questo comporta un brusco cambio verso le energie rinnovabili: piattaforme eoliche sull’acqua, tanto criticate dagli ambientalisti in Sicilia fino a quando non si è scelto di ri-puntare sul petrolio, biogas per trasporti e produzione industriale.

ATTRARRE IMPRESE SOSTENIBILI – La città è diventata quindi punto di attrazione per le maggiori imprese che si occupano di energie rinnovabili, dalla Linak che si occupa di turbine eoliche alla Danfoss che pensate è un azienda leader nella produzione di energia solare. Ebbene si invece di essere attratte dal Mezzogiorno d’Italia, dove per definizione di sole ce n’è abbastanza, quest’ azienda si è trasferita a Sønderborg. In ogni caso neanche i danesi sono perfetti: nel piano a zero emissioni non sono stati inclusi la riconversione dell’aeroporto, i prodotti importati e le fattorie di maiali anche se le istallazioni di  biogas per il recupero dei rifiuti sono in aumento.

LE CITTA’ E IL CAMBIAMENTO CLIMATICO - Pianificare nel medio termine il proprio sviluppo è fondamentale per una città in quanto porta investimenti e traccia una via. In questo modo non solo la cittadina danese ma altre 35 città in tutto il mondo si stanno dimostrando pioniere nella lotta al cambiamento climatico e contano di generare il 100% della propria energia da fonti rinnovabili entro il 2022. Il Centro per le Tecnologie Alternative (CAT) del Regno Unito ha stilato la lista e le iniziative che queste città stanno portando avanti in un report chiamato “Who’s Getting Ready for Zero?”. Gli esempi di Adelaide in Australia o del circondario del Reno-Hunsrück nella Germania sud-occidentale vengono descritti come modelli di riferimento. Questi casi dimostrano che, se le politiche nazionali sono difficili da attuare specie in Paesi come il nostro, sono i territori e le città che devono iniziare a fare la differenza pianificando un Mondo nuovo.

Domenico Pellitteri

Share and Enjoy

  • Facebook
  • Twitter
  • Delicious
  • LinkedIn
  • StumbleUpon
  • Add to favorites
  • Email
  • RSS

Ti è piaciuto questo articolo? Fallo sapere ai tuoi amici

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato.

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>

 
Per inserire codice HTML inserirlo tra i tags [code][/code] .

I coupon di Wakeupnews