Socializzare con gli amici di Facebook si può: con un caffè “dal vivo”

Matthew Kulesza, uno studente australiano, ha deciso di invitare i suoi mille amici di Facebook a prendere un caffè "dal vivo" per conoscerli meglio

Matthew Kulesza, studente australiano di 28 anni, con uno dei suoi contatti Facebook che partecipa al progetto 1000+ coffees

Matthew Kulesza, studente australiano di 28 anni, con uno dei suoi contatti Facebook che partecipa al progetto 1000+ coffees

Melbourne – Si chiama Matthew Kulesza il giovane studente australiano che ha deciso di bere un caffè con ciascuno dei suoi amici di Facebook. Avendone più di mille, sarà senz’altro un’impresa lunga, anche perché il ventottenne prende il caffè con un amico per volta ma, a quanto pare, Kulesza non sembra aver fretta.

Matthew Kulesza con un altro dei suoi contatti Facebook

Matthew Kulesza con un altro dei suoi contatti Facebook

IL PROGETTO – L’idea di bere il caffè con ciascuno dei suoi contatti Facebook è venuta al giovane durante l’estate e ha iniziato a intraprendere il progetto all’inizio di settembre. Secondo Matthew l’iniziativa che sta portando avanti – e che, secondo la sua stima, durerà circa tre anni – gli permetterà di socializzare nella realtà e non nel mondo virtuale. E si augura che questa esperienza aiuti anche i suoi contatti a ricordare che le relazioni si creano e si diffondono anche – e soprattutto – fuori dai social network.

Fino ad oggi Matthew Kulesza ha bevuto il caffè con ventitré dei suoi amici di Facebook: intervistato dai giornalisti di BuzzFeed, lo studente australiano ha dichiarato di usare il caffè come bevanda di “socializzazione” al posto dell’alcol, proprio per non influenzare il processo di relazione umana con le bevande alcoliche, neanche con una birra.

Matthew Kulesza2Queste le parole del giovane: «Penso che ci sia una grande differenza tra il modo in cui socializziamo quando beviamo alcol, magari in un locale con le luci soffuse o in discoteca, e la socializzazione alla luce del sole con un semplicissimo caffè. In più, penso che tutti, chi più chi meno, bevano caffè o te, quindi mi sembrava appropriato utilizzare per il mio progetto queste bevande “universali”».

DALL’ELIMINAZIONE ALLA RE(L)AZIONE – L’idea dei 1000+ caffè è nata a Matthew da una sensazione impellente di eliminazione dei contatti sul suo profilo Facebook. In pratica, il giovane ha pensato che, se non interagiva minimamente con i suoi contatti social, era inutile continuare a essere loro “amico” e, dunque, sarebbe stato meglio eliminarli uno per uno. Poi, l’idea: prima di eliminarli dalla piattaforma social, perché non provare a diventare loro amico nella realtà? Da qui è partito il progetto 1000+ caffè.

Ogni caffè bevuto insieme ad un “amico” viene immortalato in una foto e postato sul profilo privato di Kulesza. Tuttavia, qualche “amico” preferisce non farsi fotografare.

Qualcuno non si lascia fotografare, ma gli lascia comunque un ricordo del caffè bevuto insieme

Qualcuno non si lascia fotografare, ma gli lascia comunque un ricordo del caffè bevuto insieme

Il progetto dello studente australiano è tanto semplice quanto arduo: infatti, non è così facile riuscire a scuotere dall’intorpidimento da social network molte persone. Però, cosa c’è di più bello che uscire di casa e incontrare persone nuove o vecchi amici con i quali relazionarsi, divertirsi, crescere?

Mariangela Campo

@MariCampo81

Fonte foto: www.buzzfeed.com

 

Share and Enjoy

  • Facebook
  • Twitter
  • Delicious
  • LinkedIn
  • StumbleUpon
  • Add to favorites
  • Email
  • RSS

Ti è piaciuto questo articolo? Fallo sapere ai tuoi amici

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato.

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>

 
Per inserire codice HTML inserirlo tra i tags [code][/code] .

I coupon di Wakeupnews