Smog: Codacons a sindaco Milano, vieti botti di fine anno, alzano Pm10

 

MILANO – «Ogni anno, il primo gennaio, per colpa dei fuochi d’artificio, il Pm10 arriva alle stelle. Per questo il Codacons chiede al sindaco di Milano, Giuliano Pisapia, di emanare un’ordinanza per vietare i botti di fine anno». E’ l’appello che l’associazione dei consumatori lancia al primo cittadino del capoluogo lombardo, ricordando che nel 2010 nella metropoli «la centralina Senato registrò 157 microgrammi per metro cubo di Pm10, mentre a Verziere si giunse a 164 mcg/m3 (Pascal non fu registrata)».

Il Codacons cita anche dati dell’Istituto nazionale tumori (Int) di Milano: «Se si considera – dichiara in una nota il presidente dell’associazione Marco Donzelli – che per l’Osservatorio epidemiologico dell’Int si ha un aumento progressivo dello 0,51% di decessi giornalieri per ogni 10 microgrammi per metro cubo di Pm10 nell’aria, mentre secondo i dati più recenti del Progetto EpiAir si ha addirittura un aumento del rischio di morte dello 0,69% per ogni incremento di concentrazione nell’aria di 10 microgrammi per metro cubo, è evidente che un sindaco ha il dovere di tutelare la salute dei suoi concittadini, impedendo di raggiungere questi livelli di smog».

L’associazione dei consumatori liquida l’usanza dei fuochi d’artificio per festeggiare l’arrivo del nuovo anno come “una tradizione abbastanza infantile“, ma segnala anche altri ‘effetti collaterali’ che si affiancano al problema smog: «Non solo ogni anno si riempiono i Pronto soccorso di feriti, con un costo per la collettività – incalza Donzelli – ma i botti fanno male alla salute, sia degli esseri umani che degli animali. Per questo vanno vietati». Se scoppiano vicino a un cane o a un altro animale domestico, ricorda il Codacons nella nota, «producono danni irreversibili. Quindi – aggiunge l’associazione – può trovare applicazione il nuovo articolo del codice penale sul reato di maltrattamenti degli animali. Una ragione in più perché siano vietati».

Il Codacons si rivolge infine ai proprietari degli animali affinché si diano da fare per tutelarli, «denunciando il vicino di casa che con i botti provoca agli amici dell’uomo dei danni fisici». L’associazione dispensa anche alcuni consigli per ridurre al minimo i rischi per gli animali: 1) Tenete l’animale (anche il gatto) in casa o al limite, se grande, in garage (non lasciatelo quindi né in cortile, né sul balcone); 2) Se siete forzatamente all’aperto, allontanatevi dalla zona degli scoppi cercando un rifugio al chiuso; 3) Se passeggiate per strada, controllate che l’animale non si avvicini a fuochi inesplosi (non tenete, quindi, il guinzaglio lungo); 4) Chiudete le finestre e i balconi; 5) Non legate il cane (se è legato alla catena potrebbe ferirsi al collo o rimanere soffocato); 6) Se avete uccellini coprite la gabbia con un telo scuro che non faccia filtrare la luce; 7) Abbassate le tapparelle.

Natalia Radicchio

Foto| via www.adnkronos.com


Share and Enjoy

  • Facebook
  • Twitter
  • Delicious
  • LinkedIn
  • StumbleUpon
  • Add to favorites
  • Email
  • RSS

Ti è piaciuto questo articolo? Fallo sapere ai tuoi amici

Una risposta a Smog: Codacons a sindaco Milano, vieti botti di fine anno, alzano Pm10

  1. Pingback: Business social network e comunicazione sociale « Newcomm

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato.

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>

 
Per inserire codice HTML inserirlo tra i tags [code][/code] .

I coupon di Wakeupnews