Siria. Attacco ad Hama: strage di civili

DAMASCO – Ancora in atto una pesantissima repressione contro i manifestanti a favore della democrazia nella città di Hama, a circa 200 chilometri da Damasco, in Siria. Il bilancio delle vittime, al momento, si aggirerebbe intorno a 61 civili rimasti uccisi nell’attacco sferrato dalle truppe siriane.

 

Si incrementa drammaticamente, quindi, il bottino di morte nel territorio di uno dei maggiori focolai della rivolta contro il governo siriano. L’azione sterminatrice è scattata all’alba di questa mattina quando, dopo aver interrotto la disponibilità di acqua ed elettricità, gli eserciti, con tanto di carri armati, hanno cominciato ad avanzare verso il centro abitato. Non bastando ciò, verificata anche la presenza di cecchini posizionati in cima agli edifici.

 

Stando a quanto documenta uno degli attivisti presenti, si è trattato di una vera e propria «pioggia di granate sulla città. I soldati sparavano contro qualsiasi cosa si muovesse. Le persone si nascondevano sotto le scale degli edifici e nelle cantine pur di mettersi al riparo».

 

La repressione del regime di Bashar Al Assad, dunque, sembra essere l’unica arma di contrasto alle proteste popolari. In più, l’intenzione sarebbe quella di rafforzare ancora di più la repressione prima dell’inizio del mese di Ramadan, domani all’alba.

 

Secondo altre testimonianze provenienti da altri attivisti presenti sul posto al momento della strage, le forze governative siriane hanno anche circondato uno dei principali ospedali della città, impedendo di fatto che venissero ricoverati i feriti.

 

Il numero delle vittime, purtroppo, continua a crescere di minuto in minuto, mentre le bombe continuano a cadere sulla città senza interruzioni. Non si tratta del primo bombardamento per la città di Hama dall’inizio della repressione: all’inizio del mese di luglio, infatti, i carri armati avevano già circondato e bombardato la città.

 

(Foto: euronews.net / italnews.info)

 

Redazione

 

Share and Enjoy

  • Facebook
  • Twitter
  • Delicious
  • LinkedIn
  • StumbleUpon
  • Add to favorites
  • Email
  • RSS

Ti è piaciuto questo articolo? Fallo sapere ai tuoi amici

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato.

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>

 
Per inserire codice HTML inserirlo tra i tags [code][/code] .

I coupon di Wakeupnews