Siria, 10 mila i morti. Terzi: “Inaspriamo le sanzioni”

La repressione in Siria

La repressione in Siria

Si aggrava di ora in ora il bilancio della repressione in Siria, si parla infatti di quattromila morti, anche se secondo il presidente del Consiglio nazionale siriano Burhan Ghalioun “le persone sul campo ci parlano di diecimila vittime”.

Il premier oggi ha incontrato alla Farnesina il ministro degli Esteri, Giulio Terzi. Si parla anche di almeno 70 mila persone arrestate.

Terzi ha espresso il suo enorme disappunto sulla questione siriana: ” L’Italia continua a perseguire la prospettiva di un inasprimento del regime sanzionatorio nei confronti del presidente Bashar al-Assad e dei suoi immediati sostenitori. Continueremo altresi’ – ha poi aggiunto - a perseguire un’azione di facilitazione presso le Nazioni Unite di una risoluzione del Consiglio di sicurezza che possa chiarire ‘erga omnes’ questa impostazione di pressione economica sul regime”.

Sull’ipotesi di creare dei condotti umanitari in Siria, il ministro ha tuttavia deciso di non sbilanciarsi: “al momento non ci sono piani specifici”, anche se tuttavia il piano per un processo di stabilizzazione del paese rimane della massima importanza.

Adriano Ferrarato

Share and Enjoy

  • Facebook
  • Twitter
  • Delicious
  • LinkedIn
  • StumbleUpon
  • Add to favorites
  • Email
  • RSS

Ti è piaciuto questo articolo? Fallo sapere ai tuoi amici

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato.


*

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>

Per inserire codice HTML inserirlo tra i tags [code][/code] .

I coupon di Wakeupnews