Sesta edizione del Festival internazionale del Film di Roma, un primo sguardo

La sesta edizione del Festival internazionale del Film di Roma si aprirà – e si chiuderà – all’insegna del cinema tutto al femminile: in apertura del festival verrà presentato fuori concorso nella selezione ufficiale, The Lady di Luc Besson con Michelle Yeoh e Daniel Thewlis, mentre il film a cui spetterà chiudere la manifestazione sarà Colazione da Tiffany, presentato nella sua versione restaurata in digitale 4k, in occasione del cinquantenario dalla sua uscita.

La manifestazione, che quest’ anno si terrà dal 28 ottobre al 4 novembre si terrà presso l’Auditorium Parco della Musica, nei cui pressi sorgerà il Villaggio del Cinema, un complesso di 6000 metri quadri realizzato appositamente per il Festival e i suoi visitatori.

Il palinsesto delle selezioni è ricco di pellicole interessanti e di nuove proposte. Quindici i film in concorso per la Selezione Ufficiale di cui quattro italiani: La Kriptonyte nella Borsa di Ivan Cotroneo con Valeria Golino, Cristiana Capotondi e Luca Zingaretti; Il Cuore grande delle ragazze di Pupi Avati con Cesare Cremonini e Micaela Ramazzotti; Il mio domani di Martina Spada con Claudia Gerini; Il Paese delle spose infelici di Pippo Mezzapesa.Il programma non si esaurisce con le produzioni italiane, ma propone altre pellicole di un certo interesse provenienti da tutto il mondo: The Eye of the storm di Fred Schepisi con Geoffrey Rush e Charlotte Rampling, Une Vie Meilleure di Cédric Kahn con Guillaime Canet, e la Femme du cinquième di Pavel Pawlikowski con Ethan Hawk e Kirstin Scott Thomas.

La giuria cui spetterà il compito di valutare i film per la Selezione Ufficiale è prestigiosa e internazionale: a vestire  i panni di presidente sarà il celebre compositore Ennio Morricone, a capo di un interessante gruppi di giurati: la regista Susanne Bier, l’étoile Roberto Bolle, l’attrice, regista e autrice Carmen Chaplin, il produttore David Puttnam, il regista Pierre Thoretton, l’attrice Debra Winger. I membri assegneranno il premio Marc’Aurelio della Giuria al miglior film, il gran premio della Giuria Marc’Aurelio, i Premi Marc’Aurelio alla migliore Attrice e al miglior Attore.

Fra i film fuori concorso alla Selezione Ufficiale se ne possono segnalare alcuni particolarmente promettenti: Mon Pire Cauchemar di Anne Fontaine con Isabelle Huppert, A few Best Man di Sthepan Elliot con Olivia Newton-John, A Few Best Man film tv prodotto dall’HBO e diretto da Curtis Hanson con un cast ricco di star in cui figurano William Hurt, Paul Giamatti, Bill Pullman, Cynthia Nixon, James Woods e Topher Grace. Particolare attenzione alle pellicole di registi italiani: Someday this pain will be useful to You di Roberto Faenza e L’Industriale di Giuliano Montaldo con Pierfrancesco Favino e Carolina Crescentini.

Il programma Spettacolo/Eventi speciali non si esaurisce nelle sole proiezioni, ma ha in serbo performance, dibattiti e incontri speciali all’insegna dell’approfondimento, tra cui segnaliamo l’incontro con Wim Wenders, in cui mostrerà Pina (incentrato su Pina Bausch).

La sezione L’Altro cinema/Extra si compone di dodici documentari (sette concorreranno al premio Marc’Aurelio per il miglior Documentario assegnato da un’apposita giuria guidata da Cristina Comencini. Uno degli appuntamenti più attesi di questa sezione è l’incontro con il regista Michael Mann e poi i Duetti che vedranno il confronto fra Sergio Castellitto e Penelope Cruz, Valeria Solarino e Vinicio Marchioni, Sergio Rubini e Riccardo Scamarcio. Per completare la sezione ci sarà uno spazio dedicato alla videoarte, in collaborazione con il Maxxi e l’associazione CortoArteCircuito.

La sezione dedicata ai giovani, Alice nella città si compone di quattordici pellicole, tra cui il road movie in sedia a rotelle Hasta la vista di Geoffrey Enthoven e Kukurikozaka opera seconda di Goro Miyazaki, prodotto dallo studio Ghibli e sceneggiato da Hayao Miyazaki. Fuori concorso viene riproposto il Re Leone in edizione 3D.

Nell’ambito della collaborazione tra la Selezione Ufficiale e Alice nella città verranno presentate due anteprime esclusive: Le avventure di TinTin:il segreto dell’unicorno un film in 3D frutto dell’impegno congiunto di due specialisti del cinema fantastico, Steven Spielberg e Peter Jackson, rispettivamente come regista e produttore e l’altra anteprima è altrettanto prestigiosa, una selezione delle migliori sequenze tratte da Hugo Cabaret,  il nuovo film di Martin Scorsese, per l’occasione commentate da Asa Butterflied, il protagonista e lo scrittore Brian Selznick.

La Sezione Occhio sul Mondo/Focus è interamente incentrata sull’ Inghilterra. Terence Davies , David Hare e Michael Winterbottom firmano tre dei sette film in mostra. Una commissione di sei artisti britannici tra cui Tilda Swinton, Michael Nyaman e Hanif Kureishi ha selezionato la retrospettiva “Punk e Patriots” in cui verranno proiettate pellicole di grande valore come The Fallen Idol/ idolo infranto di Carol Reed, A matter of Life and Death/ Scala al Paradiso di Michael Powell con David Niven, Sunday, Bloody sunday/Domenica, maledetta domenica di John Schlesinger.

Questa edizione del Festival internazionale del Film di Roma vedrà la consegna del premio Marc’Aurelio a Richard Gere e durante la premiazione sarà lo stesso attore a introdurre la proiezione di Days of Heaven (I giorni del cielo), il secondo lungometraggio di Terrence Malick che per primo diede un ruolo da protagonista al fascinoso attore.

Il festival, giunto alla sesta edizione, continua la sua tradizione: dopo Sergio Leone e Federico Fellini è il turno di un altro grande Maestro, Pier Paolo Pasolini, omaggiato dalla mostra P.P.P. Un omaggio a Pier Paolo Pasolini, ad opera di Dante Ferretti e Francesca Loschiavo.

Rende invece omaggio a Monica Vitti, in occasione del suo ottantesimo compleanno, la mostra fotografica Monica e il cinema. L’avventura di una grande attrice.

In occasione del 150° anniversario dell’Unità d’Italia, il Festival propone un vero e propro itinerario alla riscoperta dell’identità nazionale. Nel trentesimo anniversario della morte di Mario Camerini verrà presentato il film muto Rotaie in edizione restaurata e un omaggio alla regista Liliana Cavani, con la proiezione del film restaurato I cannibali. Successivamente è prevista la proiezione di un Decamerone Italiano, in cui verrà affrontato il tema dell’identità italiana al cinema: ogni sera verranno proiettate due pellicole, inframezzati da un duello in cui si affronteranno in sala due osservatori della società, due storici che di volta in volta chiameranno in causa personaggi legati ai film, presenti in sala. Per concludere l’elenco delle iniziative legate a cinema e identità italiana è da segnalare una mostra fotografica Viva l’Italia!il Risorgimento sul set, una serie di scatti fuori scena partendo dai set di 1860 (del 1934) fino al recente Noi credevamo di Mario Martone (2010), presso l’Auditorium Parco della Musica.

Davide Schiano di Coscia

Share and Enjoy

  • Facebook
  • Twitter
  • Delicious
  • LinkedIn
  • StumbleUpon
  • Add to favorites
  • Email
  • RSS

Ti è piaciuto questo articolo? Fallo sapere ai tuoi amici

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato.

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>

 
Per inserire codice HTML inserirlo tra i tags [code][/code] .

I coupon di Wakeupnews