Semestre europeo di presidenza italiana. Cosa resterà?

semestre di presidenza italiana

Tra poche settimane si concluderà il semestre di presidenza italiana al Consiglio dell’Unione Europea. “Una grande sfida per ritrovare l’anima dell’Ue, per ritrovare il senso profondo dello stare insieme”, un’occasione “per guidare il cambiamento in Europa” per citare le parole del presidente del Consiglio Matteo Renzi. “Roba grossa” della quale però molti ricordano solo queste parole, poiché quando si va a chiedere alle persone cosa ne pensi dei risultati ottenuti durante questi mesi di lavoro alla guida del Consiglio Europeo, ben poco si sente rispondere.

COSA SI È FATTO? 

Non parlano della Missione Triton o del Made In promosso dalla ministra dello Sviluppo Economico Federica Guidi, o ancora del negoziato per il libero scambio tra Stati Uniti e Unione Europea. Tutto questo è passato quasi in sordina. Prevale ancora una certa confusione sul ruolo dell’Europa e sullo stesso semestre di presidenza europea. E gli argomenti che invece vanno per la maggiore, nonostante un fondo di ignoranza sul merito, sono quelli per esempio legati all’euro, alle banche oppure sui flussi migratori. E sono infatti le preoccupazioni quelle a cui si fa più riferimento quando si parla di UE: non tanto quelle relative ad un collasso dell’Unione o della moneta unica, bensì la paura che qualcosa possa essere tolto alla popolazione, al suo governo, alla sua vitalità.

E non stupisce infatti che gli articoli che con più facilità si possono trovare navigando in rete digitando “fine del semestre italiano” siano quelli legati a cose di Casa Nostra, in primis le possibili dimissioni del presidente della Repubblica Giorgio Napolitano. Nonostante siano paradossalmente proprio questi ultimi titoli a suggerire l’importanza che la turnazione al Consiglio Europeo riveste almeno agli occhi del nostro presidente, che non prenderà una decisione prima della fine del turno italiano.

LA FINE DEL SEMESTRE ITALIANO DI PRESIDENZA SUI SOCIAL

Cosa si è detto della fine del semestre europeo di presidenza  italiana sui mezzi che più di altri sembrano raccogliere le libere considerazioni di gente comune, ovvero i social network? Su Facebook, a circa 2 settimane dalla fine del semestre, sono pochi i post dedicati ad una serena riflessione su quello che da luglio è accaduto tra gli scranni del Consiglio. Si trovano bensì invettive contro le banche e lo stesso presidente della Bce Mario Draghi, che senza essere compreso dai più, sta tentando davvero la “via de cambiamento” se non della salvezza.

Per non parlare di Twitter...

 

 

 

Il Semestre di Presidenza Italiana si conclude con risultati poco brillanti rispetto alle aspettative, come ammette lo stesso Matteo Renzi che dalla sua ha avuto non poche difficoltà, riuscendo comunque a portare qualche risultato come la revisione alle politiche fiscali e il coordinamento tra stati membri. Ma questo argomento non ha fatto breccia tra la gente. E ancora l’Europa viene sentita come un corpo estraneo, non come quell’unica barca capace di portare l’Europa, storicamente intesa, in un porto più sicuro nello scenario internazionale.

Sara Cascelli

Share and Enjoy

  • Facebook
  • Twitter
  • Delicious
  • LinkedIn
  • StumbleUpon
  • Add to favorites
  • Email
  • RSS

Ti è piaciuto questo articolo? Fallo sapere ai tuoi amici

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato.

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>

 
Per inserire codice HTML inserirlo tra i tags [code][/code] .

I coupon di Wakeupnews