Sei Nazioni: l’Italia non ce la fa e arriva ultima

castrogiovanni

Castrogiovanni placcato

Edimburgo – Delusione azzurra nella quinta e ultima giornata del torneo Sei Nazioni di rugby. Stavolta ci si sfidava per evitare il sesto e ultimo posto, sapendo che una vittoria avrebbe consegnato la quinta piazza. Di più non sarebbe stato lecito sperare. A Murrayfield finisce 21-8, risultato che punisce gli azzurri relegandoli in coda al Torneo a causa della peggiore differenza punti rispetto agli ‘highlanders’. Non è bastato al ct Nick Mallett confermare nel XV iniziale sei degli eroi che quattro anni fa espugnarono lo stadio di Edimburgo (unico e ultimo successo esterno italiano al Sei Nazioni). Il tecnico sudafricano, la cui panchina era già a rischio alla vigilia del torneo, potrebbe pagare per tutti: molto probabilmente non sarà lui a guidare gli azzurri ai Mondiali in programma a settembre in Nuova Zelanda.

Pomeriggio triste, quello scozzese, soprattutto perché il primo tempo aveva lasciato buone sensazioni. Non solo avevamo concluso in vantaggio - sull’8-6 - ma la gara sembrava bene indirizzata. C’erano i segnali di un crescendo che invece nella ripresa si è completamente smorzato. Al punto che la squadra di Nick Mallett non ha più mosso il proprio tabellino negli ultimi 50 minuti di gara. Casualmente, gli ultimi punti sono venuti alla mezz’ora, con un calcio di Mirco Bergamasco, appena prima dell’uscita per infortunio di Andrea Masi. Senz’altro la perdita del giocatore aquilano è stata grave: oltretutto, a lui si deve l’unica meta azzurra, arrivata dopo una decina di minuti, al termine di una bella azione collettiva conclusa con un break imperioso (e Bergamasco colpiva il palo sul tentativo di trasformazione). Ma la rinuncia a un uomo solo – sia pure importante come Masi, che è stato il metaman anche nell’”inaudita” vittoria sulla Francia sette giorni prima – non può fornire alibi né reali spiegazioni.

mallet
La delusione di Mallet

La partenza della seconda frazione è tutta in salita, con il paisà Nick De Luca che punisce
la difesa italiana e riporta avanti i padroni di casa (11-8). La Scozia sfrutta lo stato confusionale degli azzurri e va ancora in meta al 60′ con Walker, che approfitta di tre mancati placcaggi della difesa italiana. Il 18-8 con cui si entra negli ultimi venti minuti non fa presagire nulla di buono per Parisse e compagni. Mallett corre ai ripari e con un triplo cambio prova a invertire la rotta della partita, ma non ci riesce. La Scozia non molla un centimetro e centra la prima vittoria del torneo, che condanna l’Italia all’ennesimo ultimo posto della sua storia e Mallett al suo probabile capolinea dell’avventura in azzurro.

Alessio Tedde

Foto || http://images2.gazzettaobjects.it/Hermes%20Foto/2011/03/19/0LIB82MP–300×145.jpg?v=20110319175204

Foto || http://www.ilgiornale.it/foto-id=734829-x=660-y=495/rugbyita60.jpg

Foto || http://sport.sky.it/static/contentimages/original/sezioni/sport/rugby/2011/03/19/mallett_troncon.jpg

Share and Enjoy

  • Facebook
  • Twitter
  • Delicious
  • LinkedIn
  • StumbleUpon
  • Add to favorites
  • Email
  • RSS

Ti è piaciuto questo articolo? Fallo sapere ai tuoi amici

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato.

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>

 
Per inserire codice HTML inserirlo tra i tags [code][/code] .

I coupon di Wakeupnews