‘Condannato Berlusconi implodiamo’: parola di senatore Pd

ugo sposetti (tempi.it)

Il senatore del Pd Ugo Sposetti (tempi.it)

Roma – Si avvicina la sentenza definitiva della Cassazione per Silvio Berlusconi e i movimenti si respirano tanto a destra quanto a sinistra.
Se i timori per politici ed elettorato di centro-destra sono ovvi, considerando il ruolo fondamentale di Berlusconi in questo schieramento, quelli del centro-sinistra appaiono quantomeno strambi, ben sapendo che Berlusconi è (o forse è stato?) il vero nemico della sinistra negli ultimi vent’anni.

A farsi portavoce di questi dubbi è il senatore Ugo Sposetti, che in un’intervista a QN ha dichiarato «per noi sarà una botta tremenda e il partito imploderà». Da chiarire che Sposetti è un senatore, si, ma del Partito democratico, non del Pdl.
Il senatore Sposetti ha approfondito la sua opinione: «Il Pdl si arroccherà in difesa del Capo e lui da Arcore si dichiarerà prigioniero politico dei magistrati comunisti». Un problema che toccherà anche il governo Letta, fino a espandersi a tutta la vita politica e istituzionale del paese: «Berlusconi dirà che Enrico Letta resta in piedi fino a morte naturale, e noi, pur volendolo mandare a casa, dovremo sostenerlo. Comincerà allora una fase ancora più fessa di quella attuale».

E questa opinione – questo terrore – combacia perfettamente con quanto dichiarato in queste ore dai principali alfieri del Cavaliere. Se Fabrizio Cicchitto ha chiarito che «i si trova di fronte ad un gravissimo, prolungato,sistematico uso politico della giustizia che ha stravolto e tuttora travolge la normalità della vita politica italiana», è stata Daniela Santanché a spiegare che «per il leader del più grande partito di centrodestra la giustizia non c’è».

Sembra quasi che tutti vogliano difendere Silvio Berlusconi, impegnandosi in un dibattito legale che non dovrebbe competere più di tanto alla politica.
Tutte le dichiarazioni in politica vanno interpretate: in questo caso, si potrebbero leggere come il sintomo di un terrore che si va diffondendo tra i politici e i partiti che hanno dominato la scena per vent’anni. Consci di dipendere fortemente dal sistema e consci del ruolo di chiave di Volta di Silvio Berlusconi in questa struttura, sembrano aver capito che, finito lui, finirà tutto. E così suonano la carica in difesa del Cavaliere, senza preoccuparsi più di tanto del valore della giustizia, indipendente dalle cause politiche.

Andrea Bosio
@AndreaNickBosio

Share and Enjoy

  • Facebook
  • Twitter
  • Delicious
  • LinkedIn
  • StumbleUpon
  • Add to favorites
  • Email
  • RSS

Ti è piaciuto questo articolo? Fallo sapere ai tuoi amici

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato.

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>

 
Per inserire codice HTML inserirlo tra i tags [code][/code] .

I coupon di Wakeupnews