Scuola: Province annunciano dura lotta ai tagli previsti dalla spending review

Antonio Saitta, neopresidente dell'Upi (lospiffero.com)

Roma - Le Province italiane si preparano ad una dura lotta per protestare contro i tagli di 500 milioni decisi con la spending review. Il Presidente dell’Upi Antonio Saitta ha annunciato provvedimenti pesanti come la chiusura dei riscaldamenti nelle scuole e conseguentemente l’aumento delle vacanze per gli studenti.

«Una decisione non più rinviabile, visto che i 500 milioni di tagli imposti alle Province non sono sopportabili», ha dichiarato Saitta, molto duro contro i provvedimenti di un governo “ingrato”, che “non ha il coraggio di fare una spending review su se stesso”.
Altre azioni analoghe, ha annunciato il neopresidente dell’Upi, dovranno essere prese dal prossimo ufficio di presidenza dell’organizzazione per quanto riguarda l’espletamento di altri servizi, come ad esempio i trasporti e i centri per l’impiego, che molto probabilmente verranno chiusi.

Le province gestiscono 5.179 edifici scolastici di scuola secondaria, composti di 117.348 classi, che accolgono quasi 2 milioni e 600 mila alunni. «Abbiamo spiegato al governo che con questi tagli non si interviene su sprechi, ma si cancella tutto. Con l’inverno alle porte non potremo più togliere la neve dalle strade, non abbiamo soldi per fare la manutenzione delle scuole, né quella straordinaria per mettere in sicurezza gli edifici, né quella ordinaria: non sappiamo come pagare le bollette di luce, gas, acqua, telefono. Per questo, se il governo non ci ascolterà, a natale saremo costretti a chiudere le scuole prima del tempo»

Il rappresentante delle province ha poi annunciato, chiudendo i lavori, che l’assemblea dell’Upi resterà convocata in maniera permanente fino alla risoluzione di tutti i nodi riguardanti Province, a partire dai tagli ai bilanci. Saitta ha inoltre chiesto un incontro urgente con Graziano Delrio dell’Associazione nazionale dei comuni italiani e con il Presidente della Conferenza delle Regioni Vasco Errani, al fine di rendere più unitaria ed efficace l’azione a difesa delle autonomie territoriali.

Davide Lopez

 

Share and Enjoy

  • Facebook
  • Twitter
  • Delicious
  • LinkedIn
  • StumbleUpon
  • Add to favorites
  • Email
  • RSS

Ti è piaciuto questo articolo? Fallo sapere ai tuoi amici

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato.

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>

 
Per inserire codice HTML inserirlo tra i tags [code][/code] .

I coupon di Wakeupnews