Scuola privata: ecco perché sempre più genitori la scelgono

scuola-privata

Molti pensano che le scuole paritarie siano in mano della Chiesa, scelta e privilegio esclusivo dei ricchi, ma tali pensieri non rispecchiano assolutamente la realtà. La scuola paritaria infatti funge da supporto anche alla scuola pubblica, senza di essa il sistema potrebbe funzionare male danneggiando l’intera istruzione. In Italia però sono sempre più numerosi gli studenti che si iscrivono ad una scuola privata, circa il 10% degli studenti delle elementari e superiori frequenta una scuola paritaria. Sarebbero circa 12.500 gli istituti privati in tutto il territorio italiano, metà dei quali è rappresentata da scuole cattoliche.

Nel corso dei diversi anni però è stato raggiunto un potenziale equilibrio tra le scuole private laiche e cattoliche, sia per l’organizzazione che per i servizi offerti agli studenti, alcuni dei quali permettono di recuperare anni scolastici per riuscire a diplomarsi.

Ma come funziona l’insegnamento in una scuola privata?

Le scuole paritarie italiane possono essere sia pubbliche che private, ma solo se in entrambe le circostanze gli istituti hanno deciso di conformarsi alle normative igienico- sanitarie e di sicurezza delle scuole statali. In questa circostanza infatti anche i titoli rilasciati sono equivalenti a quelli conseguiti in ambito pubblico. Ma perché i genitori dovrebbero scegliere una scuola privata per l’istruzione dei propri figli?

La scelta della scuola privata per molti genitori è dettata dalla scarsa qualità delle scuole pubbliche, sia per l’organizzazione dei servizi che per il sovraffollamento delle classi, che danneggia potenzialmente ogni singolo studente. Alcuni genitori credono di poter ricevere una migliore istruzione in scuole private, altri invece vogliono impartire un’educazione cattolica o preferiscono concentrare l’istruzione su potenziali abilità del bambino/ragazzo. La scuola privata potrebbe essere anche una risposta adeguata per bambini che hanno particolari difficoltà o disabilità dello sviluppo. Ma da diversi sondaggi e studi condotti è emerso che non esistono prove del fatto che le scuole private aumentino le prestazioni degli studenti.

Ma come iscrivervi in una scuola privata?

Una volta scelto l’istituto potrete contattare la segreteria che vi fornirà tutte le indicazioni necessarie, comprese quelle economiche riguardanti la retta ed eventuali scadenze. Inoltre l’istituto privato potrebbe richiedere una quota supplementare per garantire una copertura assicurativa allo studente in caso di infortunio. Solitamente i tempi di iscrizione sono uniformati a quelli delle scuole pubbliche, ma per evitare imprevisti è meglio rivolgersi alla segreteria dell’istituto prima del mese di febbraio. Tali regole valgono in anche per gli istituti di recupero anni scolastici, tra i quali citiamo questa nota scuola privata di Bergamo.

Foto via mamme.letteradonna.it, luccaindiretta.it

Share and Enjoy

  • Facebook
  • Twitter
  • Delicious
  • LinkedIn
  • StumbleUpon
  • Add to favorites
  • Email
  • RSS

Ti è piaciuto questo articolo? Fallo sapere ai tuoi amici

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato.

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>

 
Per inserire codice HTML inserirlo tra i tags [code][/code] .

I coupon di Wakeupnews