Scontri a Londra: nella notte, morto un anziano. E’ la quinta vittima

 

Valentino Rossi (nextmoto.it)

Londra, Inghilterra – Dopo i violenti scontri che hanno scosso gli inglesi nei giorni passati, la città di Londra si sta lentamente riprendendo: via lo scenario da guerriglia urbana, la popolazione tenta di ritornare alla normalità. Mentre arrivano i primi arresti e il governo studia misure ad hoc per evitare il ripetersi di sommosse di questo genere, giunge però anche la notizia della quinta vittima.

E’ infatti spirato nella notte Richard Mannington Bowes: l’uomo, sessantottenne, si trovava in ospedale dopo essere stato aggredito da alcuni saccheggiatori, cui tentava di porre resistenza. Attualmente, sono almeno 1900 le persone fermate dalla polizia inglese per violenza e saccheggi.

E proprio la polizia londinese è finita nel mirino delle polemiche negli ultimi giorni. Un’accusa molto forte è arrivata, inaspettatamente, dal campione della MotoGP Valentino Rossi, che in un’intervista a La Stampa, ha dichiarato: ”Sto con i contestatori. La polizia dovrebbe dare una mano a risolvere i problemi, non mettersi a menare la gente e uccidere i ragazzi. Se c’è questo casino, forse il perché è proprio nel comportamento delle forze dell’ordine”. Il pilota Ducati ha ripreso questo suo commento anche a Brno, in conferenza stampa, dove però ha tenuto anche a puntualizzare di essere assolutamente contrario ad ogni forma di violenza.

In effetti, la perizia balistica ha accertato che Mark Duggan, il pregiudicato di colore la cui morte, per mano degli agenti è stata la goccia che ha fatto traboccare il vaso, dando il là alla rivolta, non era responsabile del colpo sparato contro la polizia. Da accertare, dunque, le circostanze che hanno portato alla sua scomparsa.

Non solo, lo stesso Cameron ha rincarato la dose, ammettendo in parlamento che la polizia potrebbe inoltre aver reagito in clamoroso ritardo allo scoppio  dei primi disordini. In una intervista alla BBC, il presidente dell’Associazione dei dirigenti della polizia, Sir Hugh Orde, ha tuttavia spiegato come sia stata proprio la linea dura scelta dalle forze dell’ordine, e non l’azione di un qualche politico, a riportare la calma.

Redazione

Foto homepage via: fanpage.it

 

Share and Enjoy

  • Facebook
  • Twitter
  • Delicious
  • LinkedIn
  • StumbleUpon
  • Add to favorites
  • Email
  • RSS

Ti è piaciuto questo articolo? Fallo sapere ai tuoi amici

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato.

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>

 
Per inserire codice HTML inserirlo tra i tags [code][/code] .

I coupon di Wakeupnews