Sbarchi a Lampadusa. Immigrati: come arrivano e dove vanno

immigratiLampedusa – Nuovi approdi di immigrati durante la notte. Sono 4 le imbarcazioni che hanno toccato le coste italiane tra Lampedusa e Linosa. Tre delle imbarcazioni hanno arenato sfuggendo ai controlli di mare: 78 extracomunitari sono stati bloccati sulla terra ferma. Il quarto barcone di 83 persone è stato intercettato dalla Guardia Costiera.

Dopo i circa 1.800 progughi arrivati negli ultimi 2 giorni, il Centro di accoglienza di Lampedusa – la cui capienza complessiva è di appena 800 posti – è nuovamente al collasso. In giornata, sull’isola è previsto un incontro tra il prefetto di Palermo Giuseppe Caruso, commissario straordinario per l’emergenza, e il sindaco Bernardino De Rubeis, insieme alle forze dell’ordine.

Itinerari – In 2 mesi sono arrivati in Italia 8.000 immigrati, quasi quanti ne sono sbarcati in tutto il 2010. Molti di loro partono dalle coste meridionali della Tusinia e una volta arrivati sulle rive nostrane vengono sottoposti ad visita medica, eventuale identificazione e richiesta di asilo politico che però solo 2.100 profughi, per il momento, hanno fatto. Gli altri, soprattutto se tunisini, sbarcano con l’intenzione di continuare il viaggio verso la Francia dove risiedono già amici e conoscenti.

Centri di raccolta – Una volta a Lampedusa, i profughi sono smistati con ponti aereo-navali in altri Centri di accoglienza sparsi in tutta in tutto il territorio italiano. Attualmente, le mete più prossime sono le strutture di Crotone, Bari e Catania. Tra esse i Centri di identificazione ed espulsione (Cie) di Crotone  dove arrivano tutti coloro che rifiutano di fare domanda di protezione.

Le proteste – Il flusso migratorio si sta già ripercuotendo sulle frontiere. Infatti, se i Cie sono vigilati dalle forze dell’ordine, altre strutture di accoglienza non prevedono nessun controllo. Nei Centri accoglienza richieste asilo (Cara) la possibilità di movimento per i migranti e maggiore e molti di essi lasciano la struttura per arrivare in Francia, appunto. Il paese, negli ultimi giorni, ha più volte richiesto all’Italia di mantenere alta la vigilanza per impedire le fughe. La UE non ha ancora proposto iniziative di sostegno al Governo italiano.

Chantal Cresta

Foto || http://www.ansa.it/web/notizie/rubriche/cronaca/2011/03/06/visualizza_new.html_1559095376.html?idPhoto=2

Share and Enjoy

  • Facebook
  • Twitter
  • Delicious
  • LinkedIn
  • StumbleUpon
  • Add to favorites
  • Email
  • RSS

Ti è piaciuto questo articolo? Fallo sapere ai tuoi amici

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato.

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>

 
Per inserire codice HTML inserirlo tra i tags [code][/code] .

I coupon di Wakeupnews