Salone Editoria Sociale a Roma: l’attenzione agli interventi sociali

Tema di quest’anno l’educazione, la scuola e i giovani. All’ interno una mostra fotografica sui bambini

di Chiara Campanella

ROMA – L’ Educazione. Questo è stato il filo conduttore del Salone dell’Editoria Sociale a Roma, giunto quest’anno alla sua seconda edizione. La location, come per il 2009, è stata lo Spazio ex GIL della Regione Lazio, zona Trastevere. Tanti gli incontri, tra cui oltre 30 dibattiti e conferenze, presentazioni di libri che si rivolgono a un pubblico vasto, anche non specialistico, ma che ha a cuore il ruolo e l’impatto sociale dell’editoria in un Paese che sta cambiando. La manifestazione culturale, infatti, ha avuto come principali destinatari tutti coloro che esercitano un ruolo educativo nella nostra società: insegnanti e sacerdoti, volontari e operatori sociali, baby-sitter, allenatori sportivi e amministratori pubblici, formatori e giornalisti.

Interessantissimo il dibattito sulle “Occasioni perdute. Il Risorgimento e la Resistenza oggi”. Questo è il titolo di un vecchio saggio scritto da Claudio Pavone e pubblicato nel ’59 su una rivista italiana. Da qui una tavola rotonda con storici e scrittori come Luciano Cafagna, lo stesso Claudio Pavone, Lorenzo Pavolini, Andrea Bajani e il regista Mario Martone. Quali sono le occasioni perdute rispetto alle aspettative dei periodi del Risorgimento e della Resistenza? Secondo l’autore, l’Italia dopo il ’43 non ha fatto i conti con il proprio passato (riguardo alla guerra, il fascismo, ecc.). Al contrario, invece, i tedeschi, dopo una prima “rimozione” hanno esaminato il loro passato. Quello che è mancato agli italiani è stato un vero e proprio esame di coscienza riguardo alla sconfitta dalla seconda guerra mondiale. Si era quindi creato il mito dell’italiano: gli italiani i buoni, i tedeschi i cattivi. Claudio Pavone pensa che le occasioni perdute siano comunque pezzi di realtà che non scompaiono dalla storia, ma lasciano aperti delle situazioni o problemi che, in un modo o nell’altro, si ripresentano in futuro.

Numerosi anche gli interventi sociali e le tavole rotonde che hanno riguardato la scuola, i giovani, senza dimenticare l’attualità della crisi economica, del lavoro e della precarietà, del welfare e delle politiche sociali. Tra gli ospiti internazionali la sociologa ed economista Saskia Sassen sui temi della globalizzazione e dell’attivismo sociale; il giornalista polacco Mariusz Szczygiel – autore di Gottland – sul giornalismo sociale; il saggista iraniano Majid Rahnema sui limiti dello sviluppo. Tra gli eventi collettivi il “Processo alla Scuola”, una riflessione sul sistema educativo italiano con operatori del settore.

In Italia sta cambiando anche il mondo dell’editoria, che vede la crescita rapida e diffusa del ruolo del web, non solo per la proliferazione di siti internet, ma anche per l’aumento sensibile del “libro digitale”, attraverso la diffusione sempre maggiore di e-book e di e-reader. Anche quest’anno negli spazi dell’ex GIL, circa 30 editori hanno esposto migliaia di libri. E’ stato un modo per rompere i recinti di un “sociale” sempre troppo costretto nell’angusto ghetto degli “addetti ai lavori” e per aprirlo a una dimensione più generale che investe le questioni di fondo dell’identità e della necessaria trasformazione della cultura e della società. Tra gli espositori si citano Altreconomia, Cesvot, Confronti, Cric, Ecra, Edizioni dell’Asino, Editrice Paoline, Edup, Elèuthera editrice, Exòrma Edizioni, Idos, Infinito Edizioni, Jaca Book, Minimum fax, ecc..

All’interno anche una mostra fotografica di Davide Reviati e Andrea Petrucci. Si tratta di circa 40 opere tra disegni, dipinti e tavole a fumetti. Il tema è la rappresentazione dell’infanzia. L’esposizione, infatti, intende mettere in evidenza come l’infanzia sia uno dei soggetti più frequenti nel campo del fumetto e dell’illustrazione contemporanei. Quella del bambino è figura costante come depositario di memoria, ma anche come sguardo laterale nei confronti del mondo di oggi, uno sguardo sognante e lucido allo stesso tempo.

Share and Enjoy

  • Facebook
  • Twitter
  • Delicious
  • LinkedIn
  • StumbleUpon
  • Add to favorites
  • Email
  • RSS

Ti è piaciuto questo articolo? Fallo sapere ai tuoi amici

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato.

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>

 
Per inserire codice HTML inserirlo tra i tags [code][/code] .

I coupon di Wakeupnews