Saldi di gennaio: previsto un calo del 30%

ROMA – Ammonterà solo al 40% il quantitativo complessivo di italiani che approfitteranno del consueto ribasso dei prezzi di inizio anno. Si tratta di quanto emerge dalle analisi del Codacons, il cui risultato evidenzia una netta contrapposizione con le stime provenienti da Confcommercio, secondo cui le famiglie italiane spenderanno in media 403 euro ognuna per un valore complessivo di 6,1 miliardi di euro, pari al 18% del fatturato annuo relativo al settore.

L’associazione consumatori, invece, parla di un «clamoroso flop per i prossimi sconti stagional» e di una spesa media pro capite di 110 euro, con conseguente calo delle vendite pari al 30% rispetto ai saldi precedenti.

Come spiega il presidente Codacons, Carlo Rienzi, a farne le spese «saranno soprattutto i piccoli negozi e, per la prima volta, anche gli outlet e i centri commerciali vedranno una diminuzione consistente del proprio giro di affari».

Le vendite di calzature, precisamente, subiranno un ribasso del 25%, mentre il settore di abbigliamento di media-bassa qualità calerà del 35%, risultando così tra le più penalizzate. anche l’abbigliamento di alta qualità, comunque, non sorriderà a causa del calo del 7%. Meno peggio l’abbigliamento sportivo, che perderà solo il 2% delle vendite. Il tutto, dunque, in linea con i cali di vendita nel periodo natalizio (-28%).

L’inizio ufficiale dei saldi è comunque fissato per il 5 gennaio. Molte città anticiperanno al 2 gennaio. Questo il quadro completo.

 Abruzzo: 5 gennaio/4 marzo, Basilicata 2 gennaio/2 marzo, Calabria 5 gennaio/28 febbraio, Campania 5 gennaio (per 90 giorni), Emilia Romagna 5 gennaio (per 60 giorni), Friuli Venezia Giulia 5 gennaio/31 marzo, Lazio 5 gennaio/15 febbraio, Liguria 5 gennaio/18 febbraio, Lombardia 5 gennaio (per 60 giorni), Marche 5 gennaio/1 marzo, Molise 7 gennaio (per 60 giorni), Piemonte 5 gennaio/8 settembre, Puglia 5 gennaio/28 febbraio, Sardegna 5 gennaio (per 60 giorni), Sicilia 2 gennaio/15 marzo, Toscana 5 gennaio (per 60 giorni), Umbria 5 gennaio (per 60 giorni), Valle d’Aosta 10 gennaio/31 marzo, Veneto 5 gennaio/28 febbraio, Bolzano 7 gennaio/18 febbraio.

(Foto: leggo.it / solofinanza.it)

Stefano Gallone

Share and Enjoy

  • Facebook
  • Twitter
  • Delicious
  • LinkedIn
  • StumbleUpon
  • Add to favorites
  • Email
  • RSS

Ti è piaciuto questo articolo? Fallo sapere ai tuoi amici

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato.

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>

 
Per inserire codice HTML inserirlo tra i tags [code][/code] .

I coupon di Wakeupnews