Ruzzle mania, tra divertimento e trucchi

ruzzle-trucchi

Una schermata di spiegazione di Ruzzle (ilpost.it)

Prendete in mano a caso uno dei milioni di smartphone in circolazione in Italia: oltre ai canonici Facebook, Instagram ed altre applicazioni imprescindibili, ci troverete sicuramente installato Ruzzle. Né più né meno che l’erede virtuale del vecchio amato scarabeo: una app per dispositivi mobili che sta facendo letteralmente impazzire il mondo intero.

Disponibile per Android ed iOS, Ruzzle ha totalizzato già oltre 11 milioni di download. Il meccanismo? Semplicissimo: un tabellone da 16 lettere, all’interno del quale bisogna trovare quante più parole possibili, muovendosi sul touch screen in orizzontale, verticale e diagonale. Ogni partita di Ruzzle è divisa in tre manche da due minuti l’una. Nelle prime due le parole brevi (monosillabi e bisillabi) fanno guadagnare più punti. Nella terza manche più sono lunghe le parole, meglio è.

Ogni lettera ha un punteggio diverso, in base alla rarità e alla difficoltà di uso in una parola. Alcune lettere recano un simbolo con una sigla, in alto a destra: DL raddoppia il valore della lettera, TL lo triplica; DW raddoppia i punti dell’intera parola composta con quella lettera, TW lo triplica. Vince chi guadagna più punti complessivi nelle tre manche. Si aggiunga la possibilità di sfidare avversari casuali o i propri amici dei social network e la ricetta del successo è assicurata.

Esistono due versioni di Ruzzle: quella free, la più utilizzata, che dà la possibilità di sfidare chiunque senza limitazioni. Quella completa, a pagamento, offre la possibilità di giocare partite di allenamento, di vedere tutte le parole che non sono state trovate e di studiare le proprie statistiche. Il boom ha portato ad effetti collaterali quantomeno curiosi: ad Avellino un locale del centro ha scelto di cavalcare l’onda e di organizzare addirittura una Ruzzle Night a premi: tutti a tavola tra cocktail e stuzzichini a smanettare sulle tastiere.

Sul web non sono mancati coloro che, insoddisfatti dei propri risultati, hanno ben pensato di ricorrere ai trucchi più in voga per superare gli avversari. Il più basilare è scattare una foto o uno screenshot allo schermo e far interrompere la partita da una telefonata (unico modo per mettere in pausa l’applicazione e, anzi, motivo per ricevere uno degli achievement del gioco), in modo da poter studiare nel frattempo il tabellone. L’altro modo è più tecnologico: si possono scaricare le applicazioni Ruzzle Solver (per Android) o Cheater for Ruzzle (per Apple) ed il gioco è fatto. Ma davvero si prova tutto questo gusto a vincere barando?

Francesco Guarino
@fraguarino

Share and Enjoy

  • Facebook
  • Twitter
  • Delicious
  • LinkedIn
  • StumbleUpon
  • Add to favorites
  • Email
  • RSS

Ti è piaciuto questo articolo? Fallo sapere ai tuoi amici

Una risposta a Ruzzle mania, tra divertimento e trucchi

  1. Pingback: Ruzzle non funziona, problemi a giocare la partita e trovare … | Tutto su Facebook

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato.

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>

 
Per inserire codice HTML inserirlo tra i tags [code][/code] .

I coupon di Wakeupnews