Russia: embargo totale dei prodotti alimentari Usa e Ue

201553_vladimir_putin_principal embargo

Vladimir Putin

Mosca – Si inasprisce lo scontro diplomatico tra Russia e l’Occidente. In seguito alle sanzioni occidentali contro Mosca, la Russia ha deciso di procedere con un embargo totale di gran parte dei prodotti alimentari provenienti dai Paesi dell’Unione Europea e dagli Stati Uniti. L’embargo è stato annunciato dal premier Dimitry Medvedev: il premier russo ha inoltre precisato che l’embargo inizierà oggi e durerà un anno. Il boicottaggio dei prodotti Usa e Ue da parte della Russia riguarderà in particolare la frutta, i vegetali, la carne, il pesce, il latte e tutti i prodotti caseari importati da Usa, Ue, Australia, Canada, e Norvegia. Medvedev ha specificato che la Russia è pronta a rivedere l’embargo se i partner mostreranno «un atteggiamento costruttivo».

TRAFFICO AEREO – Come ulteriore mossa, la Russia potrebbe vietare i voli di transito delle compagnie aeree dall’Unione Europea e dagli Usa verso la regione Asia-Pacifico: questa possibilità è stata avanzata dallo stesso Medvedev, il quale ha inoltre aggiunto che la decisione definitiva sull’eventualità di chiudere lo spazio aereo russo non è ancora stata presa, ma che si tratta di una contromisura “seria” valutata attentamente in risposta alle sanzioni occidentali contro Mosca per via della crisi ucraina. Medvedev ha detto che l’ipotesi di vietare il sorvolo del territorio russo alle compagnie americane ed europee «è sul tavolo», così come la possibile adozione di misure a protezione dell’industria locale dell’auto, della cantieristica e dell’aeronautica. A questo riguardo, il primo ministro russo si è però mostrato prudente: «Il governo comprende l’importanza della cooperazione per questi settori», e agirà «con buon senso». Il divieto di transitare nello spazio aereo russo per ora vale soltanto per le compagnie aeree ucraine. Da sottolineare come attraversamento dello spazio aereo russo consente alle compagnie aeree internazionali di risparmiare ingenti quantità di carburante.

PREOCCUPAZIONI IN RUSSIA – La Banca centrale russa e il ministero dell’Economia sono preoccupati per il rischio di un aumento dei prezzi al consumo, che già in giugno registravano una pericolosa inflazione del 7,5%. Come contromossa il governo russo sembra intenzionato a stringere nuovi accordi di scambio con alcuni Paesi estranei al confronto Russia-Occidente, come ad esempio la Turchia o il Brasile. Gli esperti parlano inoltre di un aumento dell’import agroalimentare dall’Ecuador o dal Cile.

ITALIA – Le esportazioni di prodotti agroalimentari italiani in Russia, nonostante le tensioni degli ultimi mesi, sono aumentate ancora dell’1% nel primo quadrimestre del 2014 e lo scorso anno avevano raggiunto la cifra record di 706 milioni di euro. I dati provengono della Coldiretti e sono stati resi pubblici dopo l’annuncio del governo russo: «Oltre il 16% del valore delle esportazioni agroalimentari italiane è rappresentato da vini e spumanti che dovrebbero però essere al riparo dalla scure di Vladimir Putin», segnala Coldiretti. A rischio ci sarebbero però «spedizioni di ortofrutta per un importo di 72 milioni di euro nel 2013, di pasta per 50 milioni di euro, ma in aumento del 20 per cento nel primo quadrimestre del 2014 e carni per 61 milioni di euro». La decisione russa, secondo la Coldiretti, è destinata ad alzare il livello dello scontro commerciale tra Russia ed Unione Europea generando ingenti danni all’Italia, sia per quanto riguardo il danno diretto dovuto alle mancate esportazioni sia per quanto concerne i danni indiretti.

Alberto Staiz

Share and Enjoy

  • Facebook
  • Twitter
  • Delicious
  • LinkedIn
  • StumbleUpon
  • Add to favorites
  • Email
  • RSS

Ti è piaciuto questo articolo? Fallo sapere ai tuoi amici

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato.

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>

 
Per inserire codice HTML inserirlo tra i tags [code][/code] .

I coupon di Wakeupnews