Rush: la Formula 1 ai tempi di Hunt e Lauda – VIDEO

formula 1

Il film è stato girato da Ron Howard in collaborazione con Peter Morgan (foto: motorbox.com)

Londra – È la settimana che tanto attendevano gli appassionati di motori e in particolar modo di Formula 1 in cui, nei cinema italiani debutteranno sul grande schermo ben due pellicole dedicate alla Formula 1, Rush di Ron Howard che narra le vicende di Niki Lauda e James Hunt, e 1, documentario ambientato negli anni d’oro del Circus iridato.
Ormai mancano appena 24 ore, la data è quella del 19 settembre. Il vincitore di due premi Oscar, Ron Howard, indimenticato anche per il ruolo di Ricky Cunningham nella fortunata serie Happy Days, dopo la pellicola di Frost/Nixon è tornato a lavorare con lo scrittore Peter Morgan, due volte candidato agli Academy Awards, per dare vita a un film indicato come «il migliore mai fatto sulle corse».
Ambientato nell’affascinante età d’oro delle corse di Formula 1, Rush racconta una storia vera, la rivalità che ha visto il fronteggiarsi, dentro e fuori la pista nel campionato del 1976, due grandi personalità come quelle di James Hunt, inguaribile playboy inglese, e Niki Lauda, calcolatore e professionale. Proprio questo acceso dualismo e il raggiungere i propri obiettivi scatena nell’avversario una motivazione a migliorarsi progressivamente, una condizione della psiche umana difficile da fermare in una cinepresa, impresa che è riuscita perfettamente a Ron Howard che, oltre a essere un eccelso regista, è in primo luogo un appassionato di corse.

Grande risalto è stato dato all’incidente del 1 agosto 1976, sulla pista del Nurburgring caratterizzata da una serie di continui saliscendi, salti, dossi, curve cieche e in contro pendenza, condizioni già difficili da affrontare in situazione di gara asciutta, figurarsi con la pioggia che letteralmente inonda la pista. Lauda è tra i più accesi sostenitori per un boicottaggio di una corsa che è obbligata a prendere il via e dove, lo stesso austriaco, rischia di perdere la vita in un tremendo incidente contro il guard rail, da attribuirsi al cedimento della sospensione, come ha confermato recentemente Pino Allievi, una delle voci di punta de La Gazzetta dello Sport.
Tribune piene, rombo dei motori e pista bagnata. Scene di vita vera, trasportate sul nastro. Un film drammatico che inesorabilmente si porta dietro una scia di polemiche per colpa di come Hunt è rappresentato nella pellicola. Tom Hunt, figlio dell’inglese, è andato su tutte le furie per la scena in cui l’attore che interpreta il padre prende a pugni un giornalista, un aspetto violento che Tom non riconosce al genitore.

Il film è interpretato da Chris Hemsworth nel ruolo di James Hunt, da Daniel Brühl in quello di Niki Lauda con Olivia Wilde e Alexandra Maria Lara che interpretano rispettivamente le fidanzate e poi mogli dei protagonisti mentre per l’Italia sarà presente anche Pierfrancesco Favino nel ruolo di Clay Regazzoni.

foto homepage: cineblog.it

Eleonora Ottonello

Share and Enjoy

  • Facebook
  • Twitter
  • Delicious
  • LinkedIn
  • StumbleUpon
  • Add to favorites
  • Email
  • RSS

Ti è piaciuto questo articolo? Fallo sapere ai tuoi amici

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato.

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>

 
Per inserire codice HTML inserirlo tra i tags [code][/code] .

I coupon di Wakeupnews