Romics 2010, la magica realtà del disegno

All’interno della Nuova Fiera di Roma stand, libri, volumi, videogames: tutto per gli appassionati e non di generi artistici troppo spesso sottovalutati

di Adriano Ferrarato

Francesco della Edizioni Voilier

Francesco della Edizioni Voilier

Entrare al Romics e non restare folgorati dalla bellezza estetica di questa manifestazione è una follia. Stand, libri, volumi pieni di colore e storie, personaggi di grande importanza del mondo editoriale e fumettistico mondiale: la ricetta perfetta per coinvolgere anche chi, pur non essendo un particolare appassionato, vuole capire di più questa realtà spesso soppiantata ingiustamente dal grigiume della carta stampata dei quotidiani. Non manca assolutamente nulla: dalla postazione web per giocare in rete alla libreria specializzata in fumetti giapponesi (leggibili rigorosamente solo da destra verso sinistra), dall’incredibile stand dove abili truccatori sono in grado di trasformare un qualsiasi essere umano in un mostro terrificante, a quello dei fan del medioevo vestiti rigorosamente da cavalieri, armati con vere spade, elmi e scudi.

Romics è la fantasia che diviene concreta, pensata e narrata con i disegni, gli acquarelli, le vignette: ogni pagina che si può trovare nella speciale Festival internazionale del fumetto, dell’animazione e dei games, ha una sua vita e una sua magia. Un evento che quest’anno compie 10 anni, e nella sede della Nuova Fiera di Roma fino a domenica 3 ottobre apre per tutti a visitatori la possibilità di viaggiare con l’immaginazione.

Basta dare una prima veloce occhiata all’intero complesso per notare le numerose casi editrici presenti: tra queste, l’immancabile Sergio Bonelli (che ha invitato per l’occasione l’autore di Tex Claudio Villa nella giornata di domani), la Star Comics ( per i manga), fino ad incontrare lo stand della Edizioni Voilier, che ha colto l’occasione per presentare al suo  pubblico il primo fumetto di una nuova collana erotica: Black Wade. Una storia di amore omosessuale tra uomini di mare disegnata da bravissimi autori italiani. Ma non solo: “Per la nuova collana Idolo stiamo inoltre proponendo una bellissima storia a fumetti dal titolo Cubana, disegnata da Guidi Fuga e Lele Vianello, collaboratori del compianto Hugo Pratt, del quale è il soggetto di questa storia”, racconta Marco Laggetta, direttore editoriale della Voilier.

Il fumetto riprende un precedente lavoro di Pratt prodotto dalla CEPIM (ora Bonelli) dal titolo L’uomo dei caraibi e narra le avventure di un marinaio fuggito dall’accusa di omicidio che si trova a Cuba sotto falso nome, nel periodo precedente alla rivoluzione degli anni Cinquanta. Non manca poi Nuvole rapide, “Un romanzo generazionale – dice sempre Laggetta – un viaggio di un gruppo di amici, articolato in due soli volumi, che dovrebbe cambiare le loro vite”. E aggiunge, scherzando, “una storia alla Moccia”. Ma sicuramente migliore.

Marco e il suo collaboratore Francesco Murrone hanno offerto anche un giudizio cauto sulla manifestazione: “aspettiamo le giornate di sabato e domenica, che sono quelle che ovviamente prevedono maggiore affluenza. A quel punto faremo un vero bilancio di come è andata”.

Continua a leggere —–>

 

Share and Enjoy

  • Facebook
  • Twitter
  • Delicious
  • LinkedIn
  • StumbleUpon
  • Add to favorites
  • Email
  • RSS

1 2

Ti è piaciuto questo articolo? Fallo sapere ai tuoi amici

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato.

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>

 
Per inserire codice HTML inserirlo tra i tags [code][/code] .

I coupon di Wakeupnews