Roma non è più “nascosta”

Al via dal 28 maggio la seconda edizione di  “Roma Nascosta”,  10 giorni di visite guidate ai tesori archeologici della capitale. Obbligatoria la prenotazione

di Chiara Campanella

Roma -  “Roma nascosta, percorsi di archeologia sotterranea”. Questo il titolo della manifestazione culturale della capitale che, per la seconda volta, torna a deliziare turisti e appassionati di storia antica con dieci giorni all’insegna di visite guidate e conferenze sui tesori archeologici di Roma. Considerato il successo riscosso lo scorso anno con la prima edizione,  si è pensato di riproporre per il 2010 un calendario ricco di appuntamenti interessanti, grazie ai quali tutti avranno la possibilità di accedere a monumenti o siti, solitamente inaccessibili e chiusi al pubblico. Dunque, dal 28 maggio al 6 giugno Roma “si svela”,  riportando alla luce degli occhi dei visitatori interessati le sue antiche ricchezze.

Si tratta di una “full immersion” di oltre 500 appuntamenti e visite di 40 siti archeologici sotterranei tra i più importanti della capitale durante i quali gli esperti del settore racconteranno ai visitatori la storia dei luoghi. In alcuni siti archeologici si potrà assistere anche a spettacoli di musica dal vivo e performance artistiche, partecipando anche a laboratori a tema.

L’organizzazione dell’evento per l’anno 2010 è curata da Zètema Progetto Cultura. Come già quella passata, l’edizione 2010 vede quindi coinvolti in un’ampia collaborazione il Comune di Roma Assessorato alle Politiche Culturali e della Comunicazione, la Sovraintendenza ai Beni Culturali, la Soprintendenza Speciale per i Beni Archeologici di Roma, i Musei Vaticani, il Fondo Edifici di Culto, il Vicariato di Roma, Acea e la Pontificia Commissione di Archeologia Sacra.

“Roma nascosta, percorsi di archeologia sotterranea” è una interessante opportunità che da la possibilità a cittadini romani e turisti di scoprire e riscoprire le radici storiche di una capitale millenaria ed il patrimonio storico-artistico di un impero e di una città immortale ed indimenticabile. La prenotazione è obbligatoria ed il costo sarà di 5 euro.

Catacombe di Priscilla (Foto via http://www.vatican.va)

Ci sarà l’imbarazzo della scelta, tanti gli itinerari e le visite proposte. Tra questi, quest’anno verrà proposta la visita all’acquedotto Vergine, di epoca augustea e ancora funzionante, basta vedere l’acqua che arriva alla fontana di Trevi. La Pontificia Commissione di Archeologia Sacra aprirà al pubblico alcune regioni delle Catacombe di Priscilla meno note e frequentate dal pubblico, la Catacomba di Commodilla e  la Catacomba di Vigna Chiaraviglio, che si è sviluppata nel IV secolo, probabilmente in relazione al culto di S. Eutichio.

Tra gli appuntamenti non possono non mancare le chiese al cui interno gli scavi archeologici hanno restituito abitazioni dal I al V sec. d.C., come quelle di S. Martino ai Monti, S. Lorenzo in Lucina, S. Maria in via Lata e le case dei Santissimi Giovanni e Paolo.
Nella Basilica di San Giovanni in Laterano si conservano strutture del I secolo ( probabilmente pertinenti a un caseggiato della famiglia dei Laterani) e strutture del II secolo ( relative alla caserma degli Equites Singulares, la guardia dell’imperatore). La Basilica papale di Santa Maria Maggiore consentirà la visita ai vasti sotterranei che ancora oggi mostrano un raro esempio di calendario con scene delle stagioni.

Saranno accessibili anche necropoli del periodo romano e appartenute ad uomini di potere del tempo come la sepoltura di Gaio Cestio Epulone, costruita tra il 18 ed 12 a.C., la cui forma a piramide è dovuta all’annessione dell’Egitto da parte dei romani. Ancora  nel calendario sono inserite visite al Tempio rettangolare e il Tempio rotondo, l’uno da collegare al vicino porto fluviale, da identificare con il Tempio di Portunus e l’altro splendida testimonianza del più antico edificio in marmo a Roma. Entrambi in ottimo stato di conservazione. Inoltre, verranno aperti al pubblico gli Horti (giardini) di Domizia Lucilla pertinenti ad una villa romana e saranno accessibili anche i resti della Basilica Ulpia.

Share and Enjoy

  • Facebook
  • Twitter
  • Delicious
  • LinkedIn
  • StumbleUpon
  • Add to favorites
  • Email
  • RSS

Ti è piaciuto questo articolo? Fallo sapere ai tuoi amici

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato.

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>

 
Per inserire codice HTML inserirlo tra i tags [code][/code] .

I coupon di Wakeupnews