Roma, molestie su minori: arrestate due maestre

Picchiati e minacciati: gravissime le accuse contro le maestre romane

Roma – Bambini di quattro anni, percossi e minacciati di punizioni umilianti. Questo il vergognoso episodio che ha portato all’arresto di due donne – una maestra di 63 anni e la coordinatrice scolastica, di 57 anni – che lavoravano presso la scuola per l’Infanzia San Romano, nella Capitale. Entrambe si trovano al momento agli arresti domiciliari, secondo quanto disposto dalla procura di Roma, con l’accusa di molestie su minori.

Al termine di un periodo di indagine prolungatosi in maniera funzionale all’accertamento delle gravi responsabilità, le forze dell’ordine sono intervenute per arrestare le donne, che nel frattempo avevano creato in questo asilo una sorta di lager, dove i bambini erano costantemente sottoposti a un micidiale mix di violenze fisiche e psicologiche, sia proveniente da loro che dagli alunni più grandi, i quali erano incitati dalle “educatrici” a picchiare e insultare i compagni.

Una situazione che, in un assurdo crescendo delle vessazioni, colpiva anche infanti affetti da disabilità di vario genere, particolarmente disturbi di natura psichica, e sui quali si scatenavano le frustrate e violente reazioni delle maestre, con insulti irripetibili e minacce di far pulire con la faccia i bisogni di uno di loro.

La collaborazione di altre insegnanti e dei genitori, oltre alle reazioni dei bambini, ha permesso così di poter avviare le indagini e giungere all’arresto, con buona pace dei bambini che potranno finalmente tornare a scuola senza paura di essere molestati dalle proprie maestre.

Stefano Maria Meconi

@_iStef91

Share and Enjoy

  • Facebook
  • Twitter
  • Delicious
  • LinkedIn
  • StumbleUpon
  • Add to favorites
  • Email
  • RSS

Ti è piaciuto questo articolo? Fallo sapere ai tuoi amici

Una risposta a Roma, molestie su minori: arrestate due maestre

  1. avatar
    un sessuologo comportamentale 15/05/2013 a 20:49

    i frequenti casi di MALTRATTAMENTI DI BAMBINI A SCUOLA impone, ancora una volta, la scelta coraggiosa da parte degli amministratori di valutare la salute mentale per l’idoneità a determinate professioni. Una di queste è quella dei maestri e dei professori italiani. La “sana e robusta costuituziione”, in Italia indispensabile a svolgere attività di educatore o altro è oramai superata dai tempi. Pertanto bisogna avere il coraggio di chiedere di sottoporsi alla valutazione (da cui poi l’idoneità o meno) della salute mentale tramite visite specifiche e test psicologici con risultati numerici indicanti quanto una persona è lontana dalla media (come quelli presenti ad esempio nel recente “Il manuale pratico del benessere” delle edizioni Ipertesto).

    Rispondi

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato.

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>

 
Per inserire codice HTML inserirlo tra i tags [code][/code] .

I coupon di Wakeupnews