Roma. Il week end pasquale (e non solo) a teatro

Lo spettacolo al Sistina

ROMA – Appuntamento settimanale con le segnalazioni teatrali tutto dedicato alla nostra capitale, Roma, che in questi giorni è più che mai assediata dai turisti che l’hanno eletta come mèta preferita per queste vacanze pasquali. Se durante il giorno l’Urbe offre meraviglie storico-artistiche a cielo aperto come il Colosseo o i Fori Imperiali, e negozi più o meno esclusivi per lo shopping selvaggio, la sera ci si può ritrovare davvero esausti e senza più voglia di muovere un solo passo. Come trascorrere allora il tempo? Con uno spettacolo teatrale che, oltre ad avere il vantaggio di poter essere fruito in una comoda poltroncina, regala un momento di svago e divertimento.

La maggior parte dei teatri romani sembra approfittare del fine settimana festivo per prendersi una piccola pausa tra un allestimento e l’altro, ma non tutti sono ‘Chiusi per ferie’ e con un po’ di pazienza siamo riusciti a scovare qualche proposta per chi proprio non vuole rinunciare al palcoscenico.

La risata è assicurata, come ci ha detto Chiara Campanella nella sua recensione, se si opta per La cena dei cretini con Zuzzurro e Gaspare, sul palco della sala Umberto fino a domenica 8 aprile, ma forse la comicità grottesca non si adatta a tutti gusti e per questo abbiamo individuato qualche alternativa. Una è già stata segnalata, ma la riportiamo anche qui nel caso vi fosse sfuggita: al Palalottomatica Enrico Brignano sale sul palco con Tutto suo padre per due ore abbondanti di ‘romanità’ allo stato puro e ci sono ancora biglietti disponibili per tutte e tre le serate del fine settimana di Pasqua, compreso il 9 aprile, lunedì dell’Angelo.

Per i romantici la scelta più appropriata pare essere quella del Teatro Sistina, dove Giampiero Ingrassia e Simona Samarelli si calano nei personaggi del musical di Neil Simon Stanno suonando la nostra canzone. Dopo l’esordio a Broadway nel ‘lontano’ 1979 lo spettacolo ha visto, anche in Italia, tantissime rappresentazioni, con attori diversi nei panni di Sonia Walsk e Vernon Ghersh. Come se la caveranno i due talenti – seguiti dalla regia di Gianluca Guidi – portando sul palco la tormentata e passionale storia d’amore tra un compositore e una paroliera, tanto diversi quanto complementari? Per scoprirlo l’appuntamento è questa sera, sabato 7 aprile, oppure da martedì prossimo, 10 aprile: a Pasqua e Pasquetta anche il Sistina si prende una pausa!

Rientrati dalle festività il calendario teatrale capitolino riparte alla grande e nei giorni tra il 10 e il 14 aprile ecco le prime di numerosi spettacoli. Al Teatro India, con la regia di Giuseppe Bertolucci, c’è Karenina prove aperte di infelicità, con una strepitosa Sonia Bergamasco nelle vesti dell’eroina di Tolstoj. Creato e scritto in collaborazione tra la stessa attrice ed Emanuele Trevi, Karenina non è tanto una rilettura del romanzo russo, quanto una ricerca nell’animo di una donna, Anna Karenina, prima di diventare quella tragica Anna Karenina che tutto il mondo conosce. In scena da martedì 10 a domenica 14; per info cliccare qui.

Malamore - al Quirinetta dal 10 aprile

Riprende il 10, con Lucrezia Lante Della Rovere in Malamore. Esercizi di resistenza al dolore, anche la programmazione del Teatro Quirinetta. Ancora una donna protagonista assoluta del palco, in una trasposizione per il teatro del libro omonimo di Concita De Gregorio, ex direttore de «l’Unità». Gesti e parole capaci di raccontare l’universo femminile, anche nei suoi momenti più difficili e drammatici, sono accompagnati dalla note del pianoforte suonato da Vicky Schaetzinger. Lo spettacolo è riproposto fino a domenica 15 aprile.

Dura un po’ di più, fino a domenica 29 aprile, The Coast of Utopia al Teatro Argentina, anche questo in cartellone da martedì 10. L’apprezzato cineasta Marco Tullio Giordana cura la regia di questa pièce di Tom Stoppard dal sottotitolo evocativo Viaggio-Naufragio-Salvataggio. Tre i momenti chiave di una vicenda che, tuttavia, nulla ha a che vedere con un vero viaggio per mare o un effettivo naufragio su una fantomatica isola deserta (la Utopia di Thomas More richiamata alla memoria nel titolo…?): tutto si svolge infatti nella Russia di metà Ottocento dove intellettuali e rivoluzionari ‘vagheggiano’ e si adoperano per abbattere il regime zarista, seguendo ognuno il proprio personale sogno. Utopico, appunto. Per info e biglietti www.teatrodiroma.net.

Nuovo spettacolo invece al Teatro Vittoria soltanto da giovedì 12 aprile. Il ritorno di Carlotta Clerici va in scena con la regia di Mario Bernardi per raccontare il ‘rientro’ a casa di tre amici: in realtà due sono quelli che hanno lasciato il paese natìo scenario di amori giovanili per andare in cerca di fortuna, mentre uno è rimasto ancorato alle proprie radici. Ora però, in un momento di difficoltà, il trio sta per ricompattarsi e ricominciare a sostenersi a vicenda? Così sembra, ma prima saranno necessari confronti e riflessioni per guarire antiche ferite solo apparentemente rimarginate.

Interessanti e da segnalare, al rientro della pausa di Pasqua, anche le due serate del Teatro Tor Bella Monaca venerdì 13 e sabato 14 aprile: il concerto con Bandajorona, dalla malavita romana al folk d’autore, e un’insolito teatro ispirato alle sacre rappresentazioni, Laudes.

Appuntamento alla prossima settimana e buona Pasqua a tutti i nostri lettori.

Laura Dabbene

Share and Enjoy

  • Facebook
  • Twitter
  • Delicious
  • LinkedIn
  • StumbleUpon
  • Add to favorites
  • Email
  • RSS

Ti è piaciuto questo articolo? Fallo sapere ai tuoi amici

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato.

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>

 
Per inserire codice HTML inserirlo tra i tags [code][/code] .

I coupon di Wakeupnews